Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA13°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Attualità giovedì 06 maggio 2021 ore 11:19

Pisa culla dell'intelligenza artificiale pervasiva

Patrizio Dazzi (Isti-Cnr) e Davide Bacciu (università di Pisa), co-direttori del Pai

E' nato in città il primo laboratorio. Promosso da università di Pisa e Isti-Cnr, si è assicurato fondi di ricerca per oltre 10 milioni di euro



PISA — E' nato in città il primo laboratorio sull’intelligenza artificiale pervasiva, promosso dal dipartimento di informatica dell’università di Pisa e dall’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione A. Faedo del Consiglio nazionale delle ricerche (Isti-Cnr).

Il Pai Lab mette insieme le competenze di oltre 13 gruppi di ricerca, attivi nei due organismi su temi di ricerca legati sia all’intelligenza artificiale e alle sue applicazioni, che al calcolo pervasivo (distribuito e ad alte prestazioni, IoT e cloud computing).

La giornata inaugurale ha visto la partecipazione di oltre 20 relatori e 60 partecipanti ed è stata aperta dagli interventi dei direttori del dipartimento di Informatica, Vincenzo Ambriola, e dell’Isti-Cnr, Roberto Scopigno.

“Il laboratorio Pai nasce dalla necessità di aggregare competenze, infrastrutture e risorse per affrontare le sfide scientifiche di un’intelligenza artificiale che si sta trasformando in una tecnologia pervasiva, sia nello sviluppo di sistemi software complessi, che nell’uso quotidiano di servizi basati su metodologie intelligenti – spiega Patrizio Dazzi, co-direttore del laboratorio e Ricercatore dell’Isti-Cnr – Le applicazioni in questo senso sono già notevoli e di ampio impatto e includono i sistemi urbani e di trasporto intelligente, le reti telematiche di nuova generazione, i veicoli autonomi, le tecnologie indossabili e l’industria 4.0".

“Riconoscere la natura pervasiva dell’intelligenza artificiale significa anche essere consapevoli della necessità di svilupparla in una direzione che ne garantisca la sostenibilità, sia per l’ambiente che per la società – continua Davide Bacciu, co-direttore del Pai e professore associato al dpartimento di Informatica – In questo senso il laboratorio concentra la sua attività di ricerca su metodologie che permettano la realizzazione di sistemi intelligenti distribuiti, sicuri e affidabili, che tengano i modelli di intelligenza artificiale vicini agli utenti finali dei propri servizi. La cosiddetta Edge Artificial Intelligence, o EdgeAI, che passa attraverso lo sviluppo metodologie per l’apprendimento automatico continuo e auto-supervisionato, le reti neurali embedded, i dispositivi neuromorfici e i metodi di analisi di rischio per l’intelligenza artificiale”.

Il Pai Lab ha già avviato la sua attività progettuale, assicurandosi fondi di ricerca per oltre 10 milioni di euro in iniziative finanziate dalla Comunità Europea nell’ambito del programma quadro H2020. “Ma guardiamo al futuro – conclude Patrizio Dazzi – e alle opportunità dei prossimi programmi Europei (Horizon Europe e Digital Europe), con un riguardo particolare nei confronti delle iniziative dei nostri ricercatori e ricercatrici più giovani, e nell’interazione con aziende e realtà imprenditoriali specializzate”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Membro della giunta del sindaco Conti e presidente della Società della Salute della Zona Pisana, si è spenta a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca