Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 23 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Remuzzi:«Le cure domiciliari non sono un'alternativa al vaccino»

Attualità martedì 07 dicembre 2021 ore 12:53

Il "Gobbino" torna a zampillare

La fontana "del Gobbo" in piazza dei Cavalieri di nuovo in funzione

Riattivata la storica fontanella di piazza dei Cavalieri grazie all'impegno del Comune e di Acque Spa. Conti: "Un valore simbolico"



PISA — Torna a sgorgare l’acqua dalla “fontana del Gobbo”, o "del Gobbino" come la chiamano tradizionalmente i pisani, di piazza dei Cavalieri. Una riattivazione voluta dal Comune di Pisa e presentata questa mattina dal sindaco Conti, dall'assessore comunale all'ambiente Filippo Bedini e dal presidente di Acque Spa, Giuseppe Sardu.

Conti, Bedini e Sardu alla fontana

"La riattivazione di una delle fontane storiche del centro cittadino ha un valore simbolico - ha commentato il sindaco Michele Conti -: dimostra l’attenzione della nostra amministrazione nei confronti del patrimonio monumentale pubblico di Pisa, la cura dei particolari per una città che, nel post-pandemia, vuol presentarsi più decorosa e accogliente per residenti e turisti". 

"Una città legata all’acqua - ha aggiunto il primo cittadino -, non solo per la tradizione di Repubblica Marinara, per l’Arno che la attraversa e si tuffa in mare, ma anche per l’acqua che arriva da Asciano attraverso un sistema di ingegneria idraulica di epoca medicea che segna ancora il nostro territorio. Adesso si acceleri sul restauro dell'acquedotto, per cui il Mibac ha già stanziato 3,2 milioni di euro che aspettano di essere impiegati".

Il progetto “Pisa città d’Acqua” nasce dalla collaborazione fra Comune di Pisa, Pisamo e Acque Spa con l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza, in particolare le giovani generazioni, in un percorso di informazione e sensibilizzazione sull’uso delle buone pratiche come la riduzione della produzione dei rifiuti, miglior utilizzo delle risorse disponibili.

"Siamo convinti che questo progetto – ha spiegato l’assessore Bedini - possa diventare nel tempo un appuntamento costante di formazione sul tema della fondamentale risorsa che è l’acqua; vorremmo realizzare visite guidate e percorsi didattici destinati agli alunni degli istituti scolastici della nostra città. Questa operazione è importante sia dal punto di vista ambientale che culturale, per affermare concretamente quanto l’acqua sia un bene comune, intorno a cui ruota la vita delle città come Pisa, che hanno la fortuna di avere un corso d’acqua fondamentale, ma anche abbondanza di acqua buona come quella che a noi regalano le sorgenti del Monte Pisano. Restituire vita alla fontana è anche un modo per creare delle occasioni per riscoprire la storia della città e un passato in cui l’acqua corrente non c’era nelle case e questi luoghi erano fondamentali, non solo per reperirla ma anche per incontrarsi e costruire il senso di comunità".

Il progetto mira a promuovere l’uso responsabile della risorsa idrica, dando anche risposta alle domande più frequenti sulla provenienza, distribuzione e prelievo, trattamento e qualità delle nostre acque.

"Iniziative come questa – così il presidente di Acque Spa, Giuseppe Sardu – rispecchiano perfettamente l’impegno che anche un gestore idrico come Acque ogni giorno cerca di portare avanti nella valorizzazione della risorsa idrica e del territorio in cui è inserita. Siamo lieti di essere al fianco dell’Amministrazione Comunale in progetti come “Pisa città d’acqua” e negli altri che portiamo avanti soprattutto a partire dal mondo della scuola".

L’opera in marmo conosciuta come Fontana del Gobbo fu eretta in piazza dei Cavalieri dal fiammingo Pietro Francavilla nel 1596, su disegno di Giambologna. Collocata ai piedi della statua di Cosimo I de' Medici, deve il suo appellativo di "gobbo" o "gobbino" alla figura ricurva con sembianze umane, che rivolge lo sguardo alla pila a forma di conchiglia sorretta da un mostro marino con gambe di uomo, pinne di pesce e testa di granchio.

La statua soprastante raffigura il Granduca con una corazza da parata e il bastone da comando, volgendo lo sguardo lontano e poggiando il piede sinistro sopra un delfino. Prima di rivestire una funzione strutturale, il delfino doveva funzionare da presa per la fontana, come si legge nel documento di commissione del 1594.

La coppia statua-fontana celebrava chiaramente i tentativi di approvvigionamento dell’acqua per la città di Pisa, definitivamente conquistati grazie all’acquedotto commissionato dallo stesso Ferdinando I e che nel 1596 doveva dirsi concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Incremento stabile rispetto a ieri. In Toscana le positività al Coronavirus accertate nelle ultime 24 ore sono 12190
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Sport