Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Politica martedì 17 ottobre 2017 ore 13:36

Dosi e Sorrentino bocciano la manovra del Governo

L'economista e professore del Sant'Anna è intervenuto insieme alla sindacalista della Cgil all'incontro di Articolo Uno-Mdp sulla legge di bilancio



PISA — Si è tenuta nella sala incontri Alexander Langer l’iniziativa sulla legge di bilancio “Cambiare la politica economica per cambiare il Paese”. Nella sede di Articolo Uno-Mdp di Pisa sono intervenuti il professor Giovanni Dosi, ordinario di economia alla Scuola Sant’Anna, e Serena Sorrentino, segretaria generale della Funzione pubblica-Cgil. Ha introdotto il deputato di Mdp Paolo Fontanelli e moderato Andrea Califano del Coordinamento provinciale di Articolo Uno-Mdp.

"Si tratta di una legge di bilancio stretta tra le necessità di austerità che non sono state allentate - ha osservato Dosi - e che vede nella disgraziata sterilizzazione degli aumenti dell’Iva la voce più grossa della legge. Austerità che permane, salvo per qualche punto percentuale negoziato per bontà di Bruxelles e per i trasferimenti alle imprese: praticamente non c’è entrata".

"Il presidente del Consiglio Gentiloni ha definito la legge di bilancio come 'molto snella', ma noi auspicavamo invece che fosse una legge di svolta - ha detto Sorrentino -, una legge che tenesse al centro le questioni che attengono alla ripresa e gli investimenti soprattutto nel lavoro e nell’occupazione. Da questo punto di vista come Cgil avevamo chiesto poche misure, ma mirate a fare iniziative che dessero intanto risposta al pacchetto pensioni, cosa che invece non c’è". 

"Abbiamo chiesto un’iniziativa a favore dei rinnovi dei contratti pubblici - ha proseguito la sindacalista -, che fortunatamente registriamo con soddisfazione rispetto all’accordo del 30 novembre, quindi saremo in grado di ridare il contratto dopo otto anni di assenza ai lavoratori del pubblico impiego e un cambio di registro rispetto agli investimenti nell’occupazione. Chiedevamo una manutenzione del sistema degli ammortizzatori sociali e un piano straordinario di investimento nell’occupazione giovanile, invece abbiamo avuto la riconferma degli incentivi e la decontribuzione per il lavoro a tempo indeterminato che non ha dato frutti. Da questo punto di vista per noi continua a essere una legge che non parla al lavoro e che soprattutto non rappresenta quella svolta di politica economica che noi auspicavamo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La provincia di Pisa, nelle ultime 24 ore, registra quasi cento nuove positività al coronavirus. Il dettaglio per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Cenci

Lunedì 29 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità