Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il portuale di Trieste no vax che protestava contro il Green pass, ora è intubato: «Ho i polmoni distrutti, sono pentito»

Lavoro venerdì 08 ottobre 2021 ore 15:00

I lavoratori del Teatro Verdi sul piede di guerra

Il Teatro Verdi di Pisa

Dure critiche al direttore artistico, per il ricorso a maestranze esterne, e alla Fondazione, per il bando relativo al nuovo direttore generale



PISA — "La situazione del Teatro Verdi sta divenendo sempre più preoccupante, innanzitutto per la gestione unilaterale del lavoro e del personale" attaccano da Slc-Cgil e Cobas - Lavoro Privato. "Il neo-direttore artistico Enrico Stinchelli - spiegano i sindacati - ha avviato un ambizioso e avventuroso programma del “trittico operistico verdiano” durante il mese di Settembre, senza minimamente confrontarsi con il personale tecnico del teatro, imponendo ai lavoratori precari ritmi pesantissimi, orari interminabili e ore di straordinario per mettere in scena opere che richiederebbero, ciascuna, un mese di lavoro".

"Inoltre - prosegue la nota -, il direttore artistico è ricorso a personale giovane appositamente ingaggiato, dichiarando che questo è l’indirizzo che intende intraprendere come sperimentazione al Teatro Verdi, marginalizzando il personale interno e ricorrendo, come legittima scelta artistica, a manodopera esterna, ma rivelatasi in questo caso poco esperta".

Per questo i sindacati chiedono alla Presidenza e al Cda della Fondazione Teatro Verdi se l’obiettivo sia risparmiare sulla manodopera assunta, o "introdurre una sorta di lavoro a cottimo eseguito da esterni, senza inquadramento professionale e contrattuale, disponibili a lavorare per pochi spiccioli e senza limiti di orario".

"Riteniamo che alcune stabilizzazioni e l’assunzione del personale attualmente precario, per rimpiazzare le figure che a breve andranno in pensione - commentano ancora Scl-Cgil e Cobas-Lp -, sia la strada maestra per la correttezza delle relazioni tra le parti e per il rispetto del personale interno, che garantisce solida professionalità, rafforzata dalla formazione già inserita nello Statuto della Fondazione. Possiamo inoltre considerare la strada intrapresa con la trilogia verdiana un esperimento riuscito in termini economici? Attendiamo i bilanci per capire quale sia stato il reale impatto sulle finanze del Teatro, anche alla luce dei contributi ministeriali".

Altri dubbi dei sindacati riguardano il bando per l'assunzione del Direttore generale. "Presenta troppi passaggi poco comprensibili rispetto all’obiettivo di individuare figure professionalmente solide - scrivono in proposito -: intanto, è necessario che si chiarisca quale sia la fonte per i 70mila euro del trattamento economico di questa figura. Se vi siano dei fondi appositi o se provengano dai contributi pubblici e se si, in che modo impatteranno con il bilancio e se influiranno su il riconoscimento premiale da attribuire ai/alle lavoratori/lavoratrici della Fondazione; in secondo luogo, che il direttore generale possa essere individuato al di fuori della procedura stessa lasciando ampi margini di discrezionalità al CDA; viene inoltre richiesta un’esperienza che permette al CDA di individuare figure prive di titoli qualificanti di idoneità; in terzo luogo le prerogative affidate al direttore generale sarebbero ampiamente discrezionali per le assunzioni di personale di vario tipo".

"Già per l’affidamento della direzione delle manifestazioni allo Scotto di questa estate - hanno ricordato in conclusione i due sindacati -, avevamo sollevato una richiesta di chiarimento rispetto alle procedure non trasparenti per il conferimento dell’incarico, a cui si era aggiunta una critica rispetto alla scelta di una figura politicamente imbarazzante e ben poco in sintonia con la tradizione culturale della città: la caratteristica del bando sembra riproporre lo stesso metodo opaco, in vista di una scelta che sembra destinata ad essere ricoperta da una figura inopportuna per la tradizione del Teatro Verdi e della città di Pisa".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità