Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:45 METEO:PISA17°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Attualità mercoledì 20 gennaio 2021 ore 17:16

​Ids, proclamato lo stato di agitazione

Fiom Cgil e Fim Cisl hanno indetto per domani 8 ore di sciopero in tutte le sedi del gruppo e presidi davanti alle aziende



PISA — Fiom Cgil e Fim Cisl hanno indetto per domani 8 ore di sciopero in tutte le sedi del gruppo Ids, azienda di ingegneria e tecnologie dei sistemi che conta oltre 200 dipendenti distribuiti tra le sedi di Pisa, Roma, Napoli, Catanzaro e Taranto. 

"L’azienda  - si legge in una nota a  firma di Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Cgil Gruppo Ids e Daniele Morabito, coordinatore nazionale Fim Cisl gruppo Ids- da diversi anni sta attraversando una crisi finanziaria che ha già comportato la vendita di importanti divisioni tecnologiche (GeoRadar, IDS Air Navigation). L’attuale drammatica situazione finanziaria vede come unica soluzione per la continuità dell’azienda una cessione completa a potenziali acquirenti in grado di poter rilanciare e dare continuità ad un polo tecnologico formato da importanti competenze professionali. Negli ultimi 6 mesi è stata avviata una trattativa di cessione con un soggetto ad oggi ancora ufficialmente anonimo e con il quale l’azienda aveva assicurato di completare la vendita entro il 21 Dicembre 2020. Da Gennaio 2021 l’azienda ha rimandato più volte l’incontro con le organizzazioni sindacali senza fornire alcuna spiegazione. È evidente che la trattativa di cessione non sta andando a buon fine. Lo stato in cui si trova l’azienda non concede più tempo".

Contemporaneamente allo sciopero, i sindacati hanno organizzato dei presidi davanti alle aziende del gruppo.

"I lavoratori e le organizzazioni sindacali  - concludono Braccini e Morabito- chiedono che la trattativa di cessione sia chiusa il prima possibile per salvaguardare il destino dei 214 lavoratori, delle loro famiglie e di tutto l’indotto industriale. Le organizzazioni sindacali si riservano ulteriori agitazioni qualora nell’incontro previsto per Lunedì 25 Gennaio non sia presentato un concreto piano industriale che garantisca una prospettiva futura".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Protagonista dell'episodio una donna, che sarebbe passata alle vie di fatto per protestare sulla pratica che aveva affidato all'ufficio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lina Pistolesi Ved.Guidotti

Mercoledì 12 Maggio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica