Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità martedì 31 maggio 2016 ore 17:00

Islam e Cristianesimo a confronto

L’appuntamento è per sabato 4 giugno con gli arcivescovi di Pisa e Dakar, il pastore della Chiesa Luterana, il marabutto della confraternita islamica



PISA — L’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto, ma anche il cardinal Theodore Adrien Sarr, arcivescovo emerito di Dakar, il pastore della chiesa luterana senegalese Moussa Marone e il marabutto della confraternita islamica Murid Serigne Mame Mor Mbackè. Tutti attorno allo stesso tavolo insieme al Sindaco Marco Filippeschi e all’Assessore comunale alle politiche sociali Sandra Capuzzi, oltre agli ambasciatori del Senegal in Italia e presso la Santa Sede, rispettivamente, Mamadou Saliou Diouf e Leopold Diouf, coordinati dal professor Paolo Moneta, docente di diritto canonico all’Università di Pisa. Per discutere di dialogo interreligioso fra cristianesimo e islam a partire dall’esperienza storica del Senegal, “vero e proprio laboratorio di confronto, convivenza e spazio pacifico fra diverse fedi e religioni” spiega Andrea Ermini, presidente di “Four For Africa”, l’Onlus organizzatrice del convegno patrocinato anche da amministrazione comunale e ambasciata senegalese in Italia.

L’appuntamento è per sabato 4 giugno, alle 11, nella bella cornice del ristrutturato ex convento dei Cappuccini di San Giusto. “Sarà l’occasione per approfondire la conoscenza di un Paese in cui le diverse confessioni convivono pacificamente da sempre – prosegue Ermini -, cosa nient’affatto scontata in un’epoca in cui, mistificando, la religione è spesso utilizzata quale argomento per giustificare chiusure e conflitti, sia sociali che talvolta, purtroppo, anche su scala più ampia”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’Assessore Sandra Capuzzi: “Il dialogo e il confronto sono una necessità ineludibile e troppo spesso dimenticata in società, come le nostre, segnate e contraddistinte dalla compresenza di culture diverse – ha spiegato -. Sono convinta che dalla tavola rotonda di sabato e dall’esperienza senegalese possano arrivare anche idee e intuizioni utili per i nostri territori”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La provincia di Pisa, nelle ultime 24 ore, registra quasi cento nuove positività al coronavirus. Il dettaglio per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca