Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:42 METEO:PISA20°34°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 17 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Venezia, fanno sci d'acqua nel Canal Grande. Il sindaco offre una cena: «A chi individua i due imbecilli»

Cronaca giovedì 20 luglio 2017 ore 19:25

L'armato, la mente e il palo

Le forze dell'ordine hanno individuato e fermato i tre complici di Simone Bernardi, il bandito ucciso dal gioielliere durante un tentativo di rapina



PISA — Quando i rapinatori sono entrati il 13 giugno nella gioielleria Ferretti di via Battelli era già orario di chiusura. E' stata la moglie dell'orafo ad aprire la porta del negozio a quello che credeva essere un cliente. Nessun sospetto: il giorno prima il rapinatore si era presentato nella gioielleria per farsi mostrare alcuni pezzi, promettendo di tornare il giorno successivo per l'acquisto. La donna, riconoscendolo attraverso la porta a vetri, gli ha aperto e lo ha fatto entrare. Ma non era solo. Al suo ingresso ha fatto seguito quello di un uomo incappucciato. 

Il primo ha minacciato la donna con una pistola. Volevano l'incasso. A quel punto Daniele Ferretti è uscito dal retrobottega, armato di pistola, intimando i rapinatori di andarsene.

Quello che è successo un istante dopo è al vaglio degli inquirenti, ma le telecamere confermerebbero la versione rilasciata dai coniugi alle forze dell'ordine. Nelle immagini di quella puntata sull'esterno del negozio si vede un bandito fermo a fare da palo. Nelle immagini delle altre si vede invece un altro malvivente che punta la pistola contro il volto della moglie del gioielliere, poi arriva Ferretti, esplodono i colpi e uno dei due banditi si accascia a terra. Era Simone Bernardi. Il bandito, disarmato, è rimasto vittima della sparatoria con sei colpi esplosi dal commerciante e due dall'altro malvivente. Ad ucciderlo è stata una delle pallottole esplose dall'arma del gioielliere.

Simone Bernardi, 44 anni, a marzo aveva lasciato il penitenziario Don Bosco di Pisa dopo aver scontato una condanna di otto anni per furti e rapine commesse altrove. 

Dopo cinque settimane di indagini e di ricerche le forze dell'ordine hanno individuato e fermato i complici di Bernardi, che si erano dati alla fuga dopo la sparatoria: si chiamano Marco Carciati, 43 anni, pisano, Andrea Kifflè, 31 anni, originario di Aprilia in provincia di Latina e Daniele Masi, originario di Pomezia, nel Lazio.

Secondo gli inquirenti Andrea Kifflè è il bandito armato che entrò nel negozio insieme a Bernardi e che puntò la sua pistola contro la moglie del gioielliere. Carciati, invece rimase fuori a fare da palo mentre Masi è accusato di avere avuto un ruolo nella pianificazione della rapina.

Non era la prima volta che la gioielleria veniva presa di mira dai rapinatori: nel 1999 Ferretti era stato anche accoltellato, finendo in prognosi riservata.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Assunzioni anche in provincia di Pisa. L'azienda cerca figure da inserire con contratto a tempo determinato. Come candidarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità