Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:23 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 18 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Metsola non strinse la mano a Muscat

Cultura domenica 13 novembre 2016 ore 12:30

Il Fibonacci nella penna di Paolo Ciampi

Paolo Ciampi

Il grande matematico rivive nel libro dello scrittore fiorentino. "L'uomo che ci regalò i numeri" presentato nella città natia del genio del calcolo



PISA — Paolo Ciampi, giornalista e scrittore fiorentino, è autore di oltre 20 libri e ha ricevuto diversi premi letterari.  In  L'uomo che ci regalò i numeri Ciampi parla dell'illustre matematico pisano, della sua vita ai tempi della Repubblica Marinara, dei suoi viaggi e del Mediterraneo. Il libro è stato presentato in anteprima ieri sera alla libreria Orsa Minore.

"Leonardo Fibonacci, figlio di un mercante, attraversa il mare e approda in Cabilia, dove incontra un maestro che traccia nella sabbia alcuni strani segni, sono i numeri che arrivavano dall'India e che noi avremmo chiamato arabi". Partendo da questo episodio, il libro ripercorre la vita del matematico pisano, il più importante del Medioevo, dal primo approccio con i numeri arabi all'arte del calcolo, passando per la mitica serie di Fibonacci.

"Fibonacci. Questo nome ha accompagnato tutta la mia vita -racconta l'autore- A Campo di Marte a Firenze c'è una via dedicata a lui e lì si trova un campetto da calcio dove, da bambino, andavo spesso a giocare. Gli altri ragazzi ed io ci davamo spesso appuntamento al Fibonacci".

"Un rivoluzionario". Così Ciampi definisce il matematico pisano. Ed effettivamente a lui si deve l'introduzione in Europa dei numeri arabi. Una rivoluzione che, come spiega Ciampi, non venne subito accolta positivamente: "Nel 1399 -spiega lo scrittore e giornalista fiorentino- l'Arte del cambio di Firenze ne vietava ancora l'utilizzo nelle transazioni e anche alla vigilia della scoperta dell'America l'Europa serbava titubanze nei confronti di questo cambiamento".

Basti pensare che il Liber Abaci, testo scritto dallo stesso Fibonacci per promuovere l'utilizzo del sistema numerico arabo in Europa, risale al 1202, ma questo non divenne parte del vivere quotidiano occidentale prima del 15esimo secolo, quando, dopo 200 anni di resistenze, l'accettazione europea dei numeri arabi fu accelerata dall'invenzione della stampa a caratteri mobili.

Linda Giuliani
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le positività tracciate nelle ultime 24 ore fanno salire a 67830 quelle accertate in provincia da inizio epidemia. Altri 3 decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità