Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:PISA20°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tamberi e Jacobs i piedi sulla sedia, l'emozionante discorso ai compagni

Politica domenica 07 marzo 2021 ore 15:00

"Mai più sole" sotto la Torre e a Pontasserchio

Circa un centinaio di persone, uomini e donne, hanno manifestato a Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano in vista dell’8 Marzo su iniziativa del Pd



PISA — “Mai più sole” è stato il grido di uomini e donne, circa una cinquantina con nastro, scarpe e mascherine rosse, che si sono ritrovati questa mattina sotto la Torre Pendente, in piazza Duomo, per dar vita al flash mob (nel pieno rispetto delle normeanti-Covid19) promosso dal Pd provinciale pisano in vista della Giornata internazionale della Donna. Quasi in concomitanza con Pisa un’iniziativa analoga si è tenuta a Pontasserchio, dove il Pd di San Giuliano e di Vecchiano hanno organizzato un evento congiunto sul ponte sul fiume Serchio.

A Pisa erano presenti, oltre alla commissaria provinciale Pd Valeria Valente, l’assessora regionale Alessandra Nardini, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo e il consigliere regionale Andrea Pieroni, oltre ad esponenti locali, con i consiglieri comunali Matteo Trapani e Vladimiro Basta e le consigliere Olivia Picchi e Antonietta Scognamiglio, insieme alle componenti pisane della Conferenza delle donne democratiche, Giovani democratici e militanti.

Sul ponte di Pontasserchio, che segna il confine tra San Giuliano Terme e Vecchiano, si sono ritrovati, ognuno dalle parte del proprio territorio comunale (per non infrangere il divieto di oltrepassare i confini comunali), militanti, eletti Pd ed amministratori, tra cui i rispettivi sindaci Sergio Di Maio e Massimiliano Angori.

“La scelta che abbiamo fatto come Pd di essere oggi in piazza è quella di chiedere un gesto di responsabilità agli uomini, perché la violenza maschile sulle donne è un problema che riguarda loro”, ha affermato la commissaria Valente, che è anche presidente della Commissione di inchiesta del Senato sul femminicidio e la violenza di genere.

“Fino ad oggi a combattere in prima linea sono state le donne – ha proseguito –. Oggi con i tanti flash mob diffusi in Italia vogliamo dire che gli uomini si assumano le loro responsabilità e siano in primissima linea per combattere questo fenomeno che non conosce battute d’arresto”.

“Quello di cui abbiamo bisogno è un cambio culturale: leggere la violenza per quello che è, ovvero l’espressione di rapporti profondamente ancora diseguali tra uomini e donne, relazioni di potere che sono profondamente squilibrate dalle quali deriva la cultura della sopraffazione del dominio, del senso di proprietà verso le donne e il loro corpo. Per combattere tutto questo abbiamo bisogno di riequilibrare i rapporti di parità. Costruire davvero una società a misura di uomini e di donne è la nostra sfida: proseguiamo su questa strada per segnare finalmente un cambio di passo”, ha concluso Valente.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore. Oltre il 75 per cento dei nuovi contagi si è verificato tra bambini, ragazzi e giovani sotto i 35 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità