Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 01 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Attualità venerdì 07 ottobre 2022 ore 12:50

Malattie croniche, la tecnologia come arma

Il gruppo di ricerca del progetto

L'Ateneo di Pisa coordina un progetto europeo per il miglioramento del trattamento delle patologie croniche e della qualità della vita dei pazienti



PISA — Il progetto europeo Tolife, coordinato dall’Università di Pisa, è stato inaugurato nell’Aula magna storica dell’Ateneo. L’obiettivo è quello di migliorare la gestione e la personalizzazione del trattamento di patologie croniche complesse tramite l’Intelligenza artificiale e dispositivi sensorizzati non invasivi.

"Malattie come la broncopneumopatia cronica ostruttiva, che è il nostro caso di studio, portano con sé un quadro clinico che dipende da molti fattori - ha spiegato il professor Alessandro Tognetti, docente di Bioingegneria e coordinatore del progetto - le malattie correlate e lo stato generale del paziente spesso non sono trattate nel percorso clinico, che si concentra invece solo sulla cura dei polmoni. Noi vorremmo proporre invece un approccio più organico, che includa fattori correlati alla malattia e anche, in modo essenziale, che miri a migliorare la qualità della vita delle persone".

Il progetto mira, infatti, al monitoraggio di molti aspetti della vita delle persone affette da malattie croniche, come i dati ambientali, di qualità dell’aria e meteo, misurati da sensori posti negli ambienti domestici, dati fisiologici, come il battito cardiaco, e le interazioni sociali, misurati tramite smartwatch e smartphone.

Una piattaforma di intelligenza artificiale, primo obiettivo del progetto, integrerà tutti i dati per restituire un quadro clinico complessivo. "In questo modo - ha aggiunto - potremo avere una chiara idea dell’impatto della malattia sulla qualità della vita delle persone e pensare a cure personalizzate, a seconda delle diverse esigenze dei singoli pazienti".

La piattaforma sarà ottimizzata e validata in condizioni di "vita reale" su pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva in Italia, Germania e Spagna. Tra i partner del progetto figura l’Istituto Superiore di Sanità, in modo da valutare l’inserimento della procedura sviluppata in protocolli clinici standard.

Il progetto Tolife è finanziato sui fondi del Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione Horizon Europe nell’ambito della call Tackling diseases.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Apre la clinica odontoiatrica del futuro grazie a dei medici pisani: tecnologia di realtà virtuale e aumentata e struttura calata nel paesaggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Cronaca