Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:30 METEO:PISA12°16°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Vicenza, allagata la zona dello stadio, le immagini dal drone

Attualità giovedì 05 ottobre 2023 ore 19:00

I microfunghi nemici delle tartarughe marine

Un piccolo esemplare di Caretta caretta emerge dalla sabbia dopo la schiusa
Foto di: Tartamare

Uno studio dell’università di Pisa ne ha identificati 32: metterebbero a rischio la sopravvivenza degli embrioni di Caretta Caretta



PISA — Per la prima volta sulle coste toscane sono stati identificati 32 tipi di microfunghi che metterebbero a rischio la sopravvivenza degli embrioni delle tartarughe marine Caretta caretta.

La scoperta è di un gruppo di ricercatori del dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali dell'università di Pisa, insieme al personale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana e al responsabile scientifico dell’Associazione tartAmare.  Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Fungal Biology. 

"La caratterizzazione molecolare dei microfunghi - spiega una nota dell'università di Pisa- ha rivelato che si tratta di specie associate al genere Fusarium, note come patogeni delle piante, alcune delle quali mai ritrovate prima nelle uova di tartarughe marine. Questa particolarità, secondo i ricercatori, svela nuovi scenari sul parassitismo fungino, aprendo la possibilità che un microrganismo sia capace di infettare componenti sia del regno vegetale sia di quello animale".

“Le tartarughe marine stanno da tempo affrontando, a livello globale, numerose sfide, tra cui la distruzione del loro habitat, l’inquinamento delle acque, si pensi alle microplastiche, e le variazioni climatiche – spiega Cristina Nali professoressa dell’Università di Pisa - In questo preoccupante scenario questa nuova minaccia, la fusariosi delle uova di tartaruga marina, rappresenta un’emergente malattia infettiva, in grado di attaccare le uova all’interno dei nidi e di causare la mortalità degli embrioni”.

"La Caretta caretta - ricorda l'ateneo pisano- è l’unica specie di tartaruga marina che nidifica lungo le coste del Mar Mediterraneo, depone le uova a terra, nella sabbia, e proprio nell’estate 2023 si è assistito a un numero record di rinvenimenti lungo le coste toscane“.

"La presenza di specie di Fusarium nelle nidiate delle tartarughe marine è allarmante perché questi funghi possono compromettere la sopravvivenza degli embrioni – aggiunge Samuele Risoli, Dottorando del dipartimento di scienze agrarie- Non dimentichiamo che le uova e i piccoli delle tartarughe marine sono da sempre decimate da predatori naturali e fattori ambientali avversi, per cui l'aggiunta di questa minaccia riduce ulteriormente le loro possibilità di sopravvivenza nei nostri areali”.

“La nostra ricerca evidenzia la complessità degli equilibri degli ecosistemi marini e la necessità di una vigilanza continua per proteggere queste magnifiche creature - conclude Cristina Nali - Le comunità della conservazione e le autorità locali devono lavorare insieme per garantire un futuro alle tartarughe all’interno del Mediterraneo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In ospedale una stanza attrezzata per l'allattamento e il cambio pannolino. Lo spazio allestito nell'ambito di una iniziativa promossa da Unicef
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità