Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, la scheda chiusa in un sacchetto: ecco come votano i parlamentari che hanno il Covid

Politica venerdì 29 giugno 2018 ore 07:55

Nidi domiciliari, più posti per struttura

Nidi domiciliari, aumentato il numero massimo di utenti per struttura. Pieroni: “Soddisfatto, la modifica va incontro alle esigenze delle famiglie”



PISA — “Negli ultimi anni le esigenze delle famiglie sono cambiate in modo rilevante, sono sempre di più le realtà in cui entrambi i genitori lavorano e cresce, così, la necessità di servizi educativi già dai primi mesi di vita dei bambini – spiega Andrea Pieroni, consigliere regionale –. Abbiamo raccolto le istanze di diverse famiglie della provincia di Pisa che ci hanno aiutato a costruire il quadro dei servizi della prima infanzia nel quale i nidi domiciliari presentano criticità nel numero massimo di bimbi ammessi e nelle liste d’attesa. Insieme all’assessore Grieco, che ringrazio per essersi fatta carico della questione ed essersi attivata celermente, abbiamo valutato l’opportunità di aumentare la ricettività del servizio almeno di un bambino per dare una prima risposta ai genitori: con l’approvazione della modifica al Regolamento adesso il numero massimo è passato da 6 a 7”.

La modifica al Regolamento dei servizi educativi per la prima infanzia rivolti ai bambini dai 3 mesi a 3 anni prevede infatti che, a partire dall’anno scolastico 2018/2019, la ricettività massima dei servizi educativi in contesto domiciliare, ai quali non si applicano i parametri standard dimensionali rispetto ai bimbi accolti a differenza di altre tipologie di servizio, sarà di 7 bambini e non più 6 come previsto dal regolamento approvato nel luglio 2013. Dai monitoraggi effettuati negli ultimi anni emerge che spesso, anche per i nidi domiciliari, si verifica una non corrispondenza tra bambini iscritti e bambini frequentanti: questo ha portato la Regione a decidere di consentire al Comune l’autorizzazione all’iscrizione di un bambino in più se è garantita un’adeguata fruizione degli spazi da parte dei bambini in base alle caratteristiche strutturali del servizio.

“Il ‘nido domiciliare’ – prosegue Pieroni - è un servizio che negli ultimi anni è cresciuto e che ha trovato una risposta nell’esigenze delle famiglie toscane. I dati ci dicono che in Toscana nell’anno scolastico 2017/2018 i servizi educativi in contesto domiciliare sono 51 e solo nella provincia di Pisa sono pari a 8. Grazie alla modifica approvata, dunque, facciamo un passo in avanti verso il rafforzamento di servizio molto importante per tanti genitori pisani e toscani”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, di Viareggio, era in bici con il marito lungo l'Aurelia ed è stata ricoverata in gravi condizioni. E' caccia all'automobilista pirata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità