Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:PISA22°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 04 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Marmolada, due escursionisti vengono sfiorati dalla colata di ghiaccio

Politica giovedì 07 aprile 2022 ore 08:00

L'opposizione chiede verifiche sul cantiere Erp

La palazzina Erp incompiuta

Sul cantiere bloccato in Sant'Ermete i gruppi di minoranza pronti a dar battaglia in consiglio comunale: "Servono verifiche e non propaganda"



PISA — Ciccio Auletta (Diritti in comune), Olivia Picchi (Partito democratico), Gabriele Amore (Movimento 5 stelle) e Antonio Veronese (Patto civico) puntano il dito sul cantiere bloccato da mesi in Sant'Ermete, quello per i nuovi alloggi Erp. Un tema che le minoranze porteranno in consiglio comunale la prossima settimana, avendo presentato una proposta di delibera per istituire una Commissione di indagine. Proposta che però la maggioranza di centrodestra intende respingere.

"La decisione della maggioranza di bocciare questa richiesta è un fatto grave - commentano dai gruppi di minoranza -. Al contempo il tentativo di mettere una toppa a questa scelta insostenibile dichiarando che sia la Seconda Commissione di controllo e garanzia a svolgere l'indagine sui cantieri di Sant'Ermete è una presa in giro. Non a caso, infatti, per questi casi nello statuto comunale sono previste due fattispecie separate e distinte. La Seconda commissione di controllo garanzia non ha per statuto i compiti che il lavoro di indagine richiede, e, comunque sia, questo significherebbe far perdere il lavoro d'inchiesta nei mille compiti della commissione e della programmazione dei lavori. E' questo il vero scopo della maggioranza: dire che si è favorevoli all'indagine ma nei fatti renderla impossibile".

"Rimaniamo al riguardo molto sorpresi dalle dichiarazioni rilasciate alla stampa dalla Direttrice di Apes - proseguono Auletta, Picchi, Amore e Veronese - che in maniera assolutamente anomala, e a nostro giudizio inopportuna, interviene nel merito di una proposta consiliare, dichiarando di aver sempre fornito la documentazione richiesta. Teniamo ad evidenziare che questo è un dovere previsto dalla legge e non un fattore discrezionale. E proprio alla luce della lettura degli atti riteniamo necessario fare una verifica sull’operato di Apes e della Proter srl: dalla progettazione e sue varianti, fino all’assegnazione ed esecuzione dei lavori, per arrivare all’abbandono del cantiere e il conseguente contenzioso con l’eventuale escussione della garanzie depositate".

"Inoltre in merito alle condizioni in cui versano gli alloggi popolari che non saranno demoliti - prosegue la nota dei consiglieri di opposizione -, a seguito del sopralluogo fatto dalla Seconda di controllo e garanzia e del verbale approvato, teniamo a sottolineare che la stessa commissione ha chiesto ad Apes anche attraverso le autorità competenti tutte le verifiche sulle condizioni di abitabilità di questi appartamenti, su cui colpevolmente sono mancati in questi anni gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno determinato condizioni indegne in cui si costringono le persone a vivere. Quali sono le azioni intraprese da Apes dopo questo verbale della Commissione? Senza peraltro dimenticare che la stessa Apes dà tempo ha numerose relazioni al riguardo senza che abbia proceduto alle verifiche e agli interventi necessari".

"D’altronde - osservano in conclusione Auletta, Picchi, Amore e Veronese -  occorre anche ricordare che lo stesso consigliere della Lega, Lazzeri, in un recente consiglio comunale ha definito “la situazione degli abitanti "non bella" ma non emergenziale”. Ancora una volta si mistifica la realtà per non assumersi le proprie responsabilità sulle verifiche di questo cantiere e sul proprio lavoro. La stessa proposta della Giunta di stanziare 800mila euro per il completamento degli alloggi, inserito nella prossima variazione di bilancio, è priva di qualsiasi fondamento visto che ad oggi non esiste alcuna stima da parte di Apes, come dichiarato in commissione dalla stessa Direttrice, sulle risorse necessarie per finire i lavori, complice anche l’aumento dei costi dei materiali. Perché ancora una volta si fa una operazione demagogica e di propaganda senza spiegare bene le cose come stanno agli abitanti del quartiere? Il senso della nostra proposta va esattamente nella direzione opposta, di fare chiarezza e richiamare tutti gli enti coinvolti dalla Regione, al Comune ad Apes a tutte le proprie responsabilità, senza farle ricadere ancora una volta sulle cittadine e cittadini".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Meno tamponi rispetto al bollettino precedente e più di 100 nuovi contagi in meno. Nel Pisano il tasso d'incidenza rimane tra i più alti della Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Leonella Simoni Ved. Polidori

Sabato 02 Luglio 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Politica

Attualità