Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:26 METEO:PISA21°31°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 17 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei di Atletica, oro di Jacobs nei 100 metri: «Ringrazio anche chi mi dà contro, mi dà energia»

Attualità martedì 01 febbraio 2022 ore 12:15

Spettro degrado per gli alloggi Erp non ultimati

Il cantiere abbandonato della nuova palazzina Erp a Sant'Ermete

Allarme a Sant'Ermete dopo lo stop al cantiere per la nuova palazzina di case popolari. Mentre gli assegnatari continuano a vivere in case fatiscenti



PISA — Parlano chiaro le foto scattate negli alloggi in costruzione in via Emilia a Sant'Ermente, dove il cantiere risulta abbandonato da 4 mesi. "Evidenti danni ai materiali e conseguente spreco di risorse pubbliche" il laconico commento di chi sperava in una casa popolare nuova e ancora vive lì a due passi, in appartamenti ai limiti della vivibilità e con bollette sempre più esorbitanti da pagare.

"Le infiltrazioni provocano muffa che puntualmente viene rimossa con varie operazioni dagli inquilini - lamentano gli assegnatari delle vecchie case popolari di Sant'Ermete -. Questo provoca gravi danni di salute e dimostra l’inabitabilità strutturale degli alloggi vecchi, soggetti da più di dieci anni a demolizione mai effettuata. I cantieri sono fermi e nel frattempo continuano ad arrivare bollettini di affitto da centinaia di euro per le case che cadono a pezzi, indebitando inquilini già vessati dal cattivo abitare".

"Venerdì scorso abbiamo ribadito nella Seconda commissione consiliare di garanzia e controllo alla presenza dell’Assessore che non sono accettabili ritardi ulteriori - hanno riferito -, negligenze e omissioni di informazioni importanti, né tanto meno la continua richiesta di pagamento di affitti e spese condominiali ingiustificate a fronte delle cattive condizioni. Che il progetto di riqualificazione promosso da 10 anni e sbandierato continuamente da ogni amministrazione politica è fallito. Ed adesso è l’ora dei fatti".

"Lo stato di agitazione convocato dalla comunità di quartiere delle case popolari prosegue - concludono - fino a che non ci sarà il riconoscimento ufficiale che per le case dove vivono gli abitanti non si possono richiedere affitti esosi poiché non a norma; fino a che non avremo le Assegnazioni dei 39 alloggi in sicurezza, fino a che non ci sarà la ripartenza del cantiere dei 33 alloggi con la trasparenza di informazioni su quanti soldi sono stati sprecati e con le dovute ammissioni di responsabilità".

Infiltrazioni nelle vecchie case popolari

Infiltrazioni nelle vecchie case popolari


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Assunzioni anche in provincia di Pisa. L'azienda cerca figure da inserire con contratto a tempo determinato. Come candidarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca