Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA11°14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Checco Zalone imita Riccardo Muti, che è in sala a sorpresa: «Maestro, mi lasci lavorare, tengo famiglia»

Cultura martedì 13 settembre 2022 ore 17:43

Una finestra su tre secoli di storia

Pisa e il mare al tempo del Granducato: una mostra documentaria e un ciclo di incontri nelle sale dell'Archivio di Stato



PISA — I cavalieri, l'arme, i mercanti. Pisa e il mare al tempo del Granducato. E' questo il titolo scelto per racchiudere una serie di iniziative che, dal 16 Settembre al 25 Ottobre, apriranno le porte dell'Archivio di Stato, a palazzo Toscanelli. In programma una mostra su tre secoli di storia pisana, incontri e un concerto inserito nella rassegna Muse Contemporanee e Note d’Arte.

Sarà proprio l'evento musicale, organizzato in collaborazione con l’Associazione Fanny Mandelssohn, ad inaugurare la mostra Dai cavalieri di Santo Stefano ai Consoli del mare: tre secoli di storia pisana, che espone oggetti e documenti provenienti dai fondi dell’Ordine dei cavalieri di Santo Stefano e dei Consoli del mare. L’evento, che prevede inoltre sei incontri collaterali alla mostra, è organizzato dall’Archivio di Stato con il patrocinio del Comune di Pisa e della Società Storica Pisana.

L'iniziativa è stata presentata questa mattina a Palazzo Gambacorti. Presenti l’assessore al turismo, il Direttore dell’Archivio di Stato Jaleh Bahrabadi e le direttrici artistiche dell’Associazione Fanny Mandelssohn, Sandra Landini e Francesca Amato."

La mostra rimarrà aperta dal 16 Settembre al 25 Ottobre, tutte le domeniche pomeriggio e nelle giornate di apertura della sala studio (lunedì, mercoledì e venerdì mattina).

L'obiettivo, spiega una nota del Comune di Pisa, è quello di "Ricostruire la storia di quell’intenso rapporto che si stabilì tra queste due importanti magistrature di Età moderna e la città di Pisa, approfondendo in particolare il nesso che continuò a legare indissolubilmente il nostro territorio al mare e alle sue tipiche professioni". Ogni domenica pomeriggio alle 17, un relatore introdurrà a particolari aspetti riguardanti questo spaccato di storia cittadina, analizzando più nel dettaglio gli oggetti in mostra e le dinamiche tipiche dell’Età moderna a Pisa.

Nel Salone della musica di Palazzo Toscanelli, nella sezione dedicata ai cavalieri stefaniani, saranno esposte le preziose carte nautiche del ‘600 ed una ricca selezione di alberi genealogici su seta e su pergamena a corredo delle cosiddette “provanze di nobiltà”. Di particolare interesse saranno poi gli schizzi autografi di Giorgio Vasari, redatti su commissione dell’Ordine e destinati alle maestranze del cantiere della erigenda Chiesa di Santo Stefano di Pisa, di nuovo visibili dopo circa quaranta anni.

Accanto agli apporti documentari, la mostra ospita altre due sezioni dedicate alle uniformi e all’oggettistica stefaniana. "Grazie al contributo di due collezioni private, tra cui la Famiglia Menchini Fabris di Pisa - sottolinea il Comune- è stato possibile esporre la cappa magna in seta, dedicata alle cerimonie di particolare importanza, e due uniformi originali, la piccola e quella di gala, risalenti alla metà del XIX secolo, tutte rispondenti al disciplinare approvato dal Granduca nel 1839. E poi squadroncini, spadini, placche e spallini, per ricostruire anche po’ di storia del costume".

Completa l'esposizione una piccola galleria con i costumi stefaniani che ogni anno prendono parte al corteo storico del Gioco del ponte, provenienti dal patrimonio del Comune di Pisa che quest’anno, tramite l’Assessorato alle Tradizioni storiche e quello del Turismo, affianca l’Archivio di Stato nella manifestazione. L’accesso alla mostra è libero e gratuito.

Venerdi 16 Settembre, alle 21 all’Archivio di Stato di Pisa a Palazzo Toscanelli, si terrà poi il concerto inserito nella rassegna Muse Contemporanee e Note d’Arte, manifestazione organizzata dalla Associazione musicale Fanny Mendelssohn in collaborazione con l'associazione culturale La Voce del Serchio, col patrocinio della Regione Toscana, Comune e Provincia di Pisa e Comune di San Giuliano Terme e grazie al sostegno della Fondazione Pisa e di UnicoopFirenze. Protagonisti il soprano coreano Sang Eun Kim, e i musicisti italiani Giuseppe Nova al flauto e Elena Piva all'arpa.

Per informazioni per l’ingresso al concerto contattare i numeri 347 6371189 - 347 8509620 o visitare il sito www.fannymendelssohn.eu e-mail: associazionefanny@gmail.com


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 6 Dicembre, rialzo di nuove positività anche per i quasi 16mila tamponi processati. A Pisa registrati 97 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità