Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Politica lunedì 07 giugno 2021 ore 11:06

"Tar boccia le regole del commercio e Conti tace"

Sugli orari differenti per interni e dehors e per le emissioni sonore le opposizioni chiedono l'intervento dell'avvocatura civica



PISA — "Nelle scorse settimane - ricordano i consiglieri di opposizione Olivia Picchi (Pd), Gabriele Amore (M5s) e Francesco Auletta (Dic) - avevamo denunciato il fatto che da più di un anno il Comune non attua la sentenza del Tar n. 350 del marzo del 2020 riguardo il nuovo Regolamento per le attività economiche del settore alimentare in alcune aree del centro storico, approvato dalla maggioranza nel Luglio del 2019 e che fu impugnato proprio di fronte al Tar da molti esercenti. Infatti il Tribunale ha accolto le richieste dei ricorrenti su due articoli: 9.2 e 12.3. Il primo riguarda gli orari applicati e la differenziazione fra interno e dehors, il secondo inerente l'obbligo di produrre specifiche documentazioni per le emissioni sonore. Entrambi gli articoli sono stati giudicati dal Tar illegittimi, irrazionali e discriminatori".

"Il Comune di Pisa non annullando questi articoli non sta attuando una sentenza - attaccano i tre consiglieri di opposizione -. Questo abbiamo appreso dalle richieste fatte agli uffici. E per questo nelle ultime due settimane abbiamo presentato due question time per poter discutere la questione in consiglio comunale vista la gravità della condotta della amministrazione ma il Presidente del Consiglio comunale si è rifiutato in entrambe le occasioni di iscrivere il punto all'ordine del giorno, con la motivazione che non hanno urgenza e non sono di attualità politica.
Siamo di fronte ad una censura inaccettabile. Ma la cosa più grave è il silenzio della amministrazione che non spiega le ragioni di questa condotta esponendo così il Comune ad ulteriori contenziosi che graveranno sulle tasche dei cittadini e delle cittadine".

"Chiediamo quindi al Segretario generale e all'Avvocatura civica, per quanto di propria competenza, di darci una risposta - concludono Picchi, Amore e Auletta - e chiarire se il Comune intende non dare attuazione come sta facendo già da un anno ad una sentenza e con quali motivazioni. Da parte nostra porteremo al questione con urgenza in commissione di controllo e garanzia".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca