Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo 2022, chi sono i 22 partecipanti: l'annuncio di Amadeus

Cronaca venerdì 18 giugno 2021 ore 18:30

Torna il divieto di sedersi sui gradini

Conti ha firmato l'ordinanza "per disincentivare condotte contrarie al decoro e garantire maggiore sicurezza a residenti, studenti e turisti"



PISA — Il sindaco Michele Conti ha firmato stamane un’ordinanza in materia di decoro e contrasto al degrado urbano nel centro storico. La disposizione, in vigore dal 21 Giugno fino al 31 Dicembre, prevede il divieto “di sedersi, sdraiarsi o dormire sul suolo pubblico o nelle aree ad uso pubblico o aperte al pubblico passaggio, sui gradini dei piedistalli della statue e dei monumenti, sulle soglie, sulle pavimentazioni, sui muretti, sui gradini posti all’esterno degli edifici pubblici e privati purché attestanti su area pubblica o soggetta al pubblico transito, sugli spazi verdi, sugli arredi urbani comprese le rastrelliere per le biciclette”.

Il divieto di sedersi di cui alla presente ordinanza, hanno spiegato dal Comune di Pisa, "non si applica sulle panchine e nelle aree dei pubblici esercizi o aree pubbliche esterne, di pertinenza dell’attività, legittimamente autorizzate all’occupazione di suolo pubblico". 

Si tratta di un'ordinanza già proposta in passato non senza polemiche, con l'ex assessore Dario Danti che venne multato perché sedutosi in maniera provocatoria sui gradini della chiesa dei Cavalieri di Santo Stefano. Danti fece ricorso e lo perse ma, a quanto risulta, la multa non gli fu mai effettivamente notificata.

"L’ordinanza si è resa necessaria – ha commentato il primo cittadino – per la presenza di fenomeni che contrastano col decoro e la vivibilità urbana. L’ordinanza si aggiunge alle misure già adottate nei giorni scorsi per un centro più sicuro e vivibile, come la cessazione dell'attività di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche nei pubblici esercizi del centro e della zona stazione dalle ore 17 alle ore 24 nel fine settimana. Sono tutti provvedimenti che ruotano intorno a un’idea di città che può essere riassunta con tre parole: decoro, sicurezza, inclusione"

"Per attuarla, oltre alle ordinanze, ho scritto al comandante della Polizia Municipale Alberto Messerini dando un indirizzo politico chiaro - ha specificato Conti - che prevede il potenziamento della presenza della Polizia Municipale nella zona Stazione - Piazza Vittorio – Corso Italia e vie limitrofe con un numero complessivo di circa 50 agenti che saranno impegnati nei vari turni nell’arco della giornata. Al potenziamento dei servizi di vigilanza si devono aggiungere l’attività dell’unità di strada e le operazioni di lavaggio di marciapiedi e loggiati da parte del servizio di igiene urbana. Un presidio costante del territorio che deve disincentivare condotte contrarie al decoro e garantire maggiore sicurezza a residenti, studenti e turisti".

"C’è bisogno di una stretta sul controllo del territorio – ha concluso il sindaco –, una richiesta fatta al Prefetto di Pisa e al Sottosegretario al Ministero degli Interni, di una presenza maggiormente distribuita sul territorio dei militari impiegati nel progetto “strade sicure” e un’accelerazione sulle espulsioni di soggetti pregiudicati o che reiterano reati. Noi facciamo la nostra parte ma è necessario un forte impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti".

L’ordinanza antidegrado sarà in vigore nel perimetro circoscritto dalle seguenti vie e piazze del territorio comunale di Pisa:

Zona Pisa Sud - Piazza della Stazione; via Alfredo Catalani; via Cesare Battisti (fino a Piazzale Carlo Alberto della Chiesa); Rotonda dell’Ordine del Santo Sepolcro; via Silvio Pellico; largo Padri della Costituzione; Piazza Sant’Antonio; via Giuseppe Mazzini (da Piazza Sant’Antonio a via Riccardo Zandonai); via Riccardo Zandonai; piazza Vittorio Emanuele II; via Massimo D’Azeglio; via Giuseppe Mazzini; via Benedetto Croce; piazza Chiara Gambacorti; via Borghese; via Filippo Turati; via Giovanni Pascoli; via del Cottolengo; via Gianbattista Queirolo; via Francesco Bonaini (da via Cristoforo Colombo a via Gianbattista Queirolo) via Cristoforo Colombo; via Corridoni (da Cristoforo Colombo a Piazza della Stazione); via Giacomo Puccini; via Amerigo Vespucci. Nelle aree di cui sopra si intendono compresi anche i loggiati e le Gallerie A e B di viale Gramsci, i loggiati della Stazione Centrale, del Palazzo ex Amministrazione Provinciale, delle Poste Italiane, della Camera di Commercio, la piazza Keith Haring.

Zona Pisa Nord - Piazza Dante Alighieri; via Santa Caterina; Piazza Martiri della Libertà; piazza del Carmine; via di Banchi; via Toselli; Corso Italia. Nelle aree di cui sopra si intendono compresi anche le gradinate della Chiesa e dei palazzi posti in piazza dei Cavalieri.

L’ordinanza prevede che i titolari degli esercizi commerciali che insistono nell’area di applicazione devono esporre in vetrina, e comunque in maniera ben visibile dal pubblico all’esterno, un avviso sintetico recante i divieti contemplati dalla presente ordinanza e che sarà loro consegnato dall’Amministrazione Comunale. L’inosservanza dei precetti è punita con una multa tra 25 e 500 euro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca