Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:11 METEO:PISA18°23°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 20 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Lavoro mercoledì 13 aprile 2016 ore 17:50

Un accordo smart working per la Bassilichi

Leonardo Bassilichi

22 i trasferimenti a Firenze. Per gli altri 35 dipendenti pisani si apre la possibilità di lavorare da casa o in locali condivisi



PISA — Quando il gruppo Bassilichi ha preso la decisione di chiudere la sede pisana, si è aperto sin da subito il dibattito sul futuro dei 57 dipendenti. Si paventava un trasferimento di massa e invece 35 persone  continueranno a svolgere la loro attività in città all'interno di una struttura di coworking, mentre solo in 22 se ne andranno a Firenze.

Tra le possibilità che si aprono per gli ex dipendenti della sede pisana c'è anche un'ampia autonomia nella scelta degli orari di lavoro. E' tutto nero su bianco, in un accordo raggiunto nei giorni scorsi con le organizzazioni sindacali Fiom-Cgil e Fim-Cisl

L'obiettivo è quello di salvare posti di lavoro, e tutelare il benessere dell'azienda e dei suoi lavoratori.

Si tratta di un accordo pilota a cui ha collaborato anche la Regione e grazie a cui la Toscana vedrà realizzarsi una delle prime sperimentazioni di smart working, figlio degli ultimi provvedimenti del governo.

Per Gianfranco Simoncini, consigliere del presidente Rossi per il lavoro, si tratta di "un accordo importante e innovativo".

"Si tratta di un esempio e di un modello da proporre, laddove possibile, in altre vertenze - commenta il presidente della Toscana Enrico Rossi -. Accanto all'obiettivo, realizzato, di ridurre il disagio dei dipendenti che avrebbero dovuto trasferirsi nella sede di Firenze – dice Rossi - l'intesa sperimenta infatti formule innovative come il telelavoro e il coworking".

E' proprio grazie a queste modalità che il confronto sindacale, anche con la mediazione della Regione, ha trovato una soluzione positiva alla vertenza.

"E' un accordo che ha consentito di evitare un sicuro disagio ai lavoratori. Nel caso della Bassilichi abbiamo firmato con convinzione" evidenza Daniele Calosi della Fiom-Cgil, che mette però le mani avanti su un'esportazione generalizzata del modello di smart working: "Dipende dalle relazioni sindacali - dice - e in certe aziende lo vedo difficile".

Intanto alla Bassilichi guardano avanti. "Lavoriamo affinché nella nostra azienda smart working e coworking possano in futuro crescere – conclude Leonardo Bassilichi - Si tratta di due strumenti potenti e da utilizzare con intelligenza, ma sono strumenti validi per chi da venti anni, come noi, è abituato ad investire sul valore dei dipendenti e venire incontri alle loro esigenze".

La soluzione aggrada anche il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi: "E' una vertenza che si chiude in modo positivo e che apre nuove prospettive, grazie alla tenacia e intelligenza dei lavoratori, il ruolo delle istituzioni e il coraggio anche delle aziende".

Il gruppo Bassilichi aveva rilevato il sito pisano nel 2011 dalla C-Global, salvando allora tutti i posti di lavoro.

Per i consiglieri regionali del Pd eletti in provincia di Pisa Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni, quella dell'accordo è "Una buona notizia, che premia l’impegno e la perseveranza dei lavoratori, dei sindacati e della Regione. Fin dal novembre scorso, come gruppo Pd e come Consiglio regionale avevamo sollecitato un forte impegno della giunta toscana e di tutte le parti in causa per un felice esito della crisi. Salvare posti di lavoro, approfittando delle opportunità concesse dalla nuova normativa nazionale e dall’innovazione tecnologica, è certamente un fatto importante, anche considerando le difficoltà iniziali della vertenza. La scelta di Bassilichi di cogliere la sfida e confermare l’impegno sulle risorse umani presenti a Montacchiello, rappresenta anche un modello a cui riferirsi in futuro per altre situazioni di crisi aziendali analoghe".


Linda Giuliani
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Rotatoria tra la Strada Vicarese e via dei Condotti: le modifiche al traffico in vigore da lunedì 20, per permettere l'installazione del cantiere
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca