Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità mercoledì 17 marzo 2021 ore 09:13

Un altro dipinto torna nella chiesa

Un particolare de "La Madonna del Rosario, San Domenico e San Pio V" di Giovan Battista Tempesti

Appena restaurata, la Madonna del Rosario di Giovan Battista Tempesti sarà ricollocata nella chiesa di Santa Caterina. Venerdì la presentazione



PISA — La Madonna del Rosario di Giovan Battista Tempesti è stata restaurata ed è pronta per essere ricollocata nella chiesa di Santa Caterina d'Alessandria.

L'opera sarà presentata venerdì 19 Marzo, in occasione della solennità di San Giuseppe, con una Santa Messa alle 19. La tela, per lungo tempo conservata nel Seminario Arcivescovile, è stata restaurata dalla ditta lucchese Lo Studiolo grazie al contributo della Fondazione Pisa

In una nota, la parrocchia ripercorre la storia di questo dipinto, risalente al 1781, quando andò a sostituire un’opera con lo stesso soggetto, di Giovanni Stefano Maruscelli, andata bruciata in quella data. La Congregazione del Santissimo Rosario, soppressa nel 1782, commissionò così un nuovo dipinto che fu collocato nel 1786 nella chiesa di Santa Caterina dopo essere stato preso in carico dalla parrocchia.

A breve anche un'altra opera in corso di restauro rientrerà nella stessa chiesa: si tratta del quadro con La presentazione di Gesù al tempio, dipinto nel 1673 da Girolamo Scaglia. Il suo rientro è previsto per la fine di Maggio quando sarà collocato, insieme alla Madonna del Rosario, sulla controfacciata.

"Il rientro di questi dipinti restaurati  - sottolinea la parrocchia- rappresenta una ulteriore tappa della importante operazione di conservazione e di restituzione al pubblico delle molte opere d’arte della chiesa e del convento di Santa Caterina, iniziata anni fa da monsignor Guido Corallini e portata avanti da monsignor Francesco Bachi, rettore della chiesa di Santa Caterina e del seminario Arcivescovile. Dalla fine del 2019 a oggi si segnalano, tra i dipinti restaurati grazie al contributo della Fondazione Pisa e al lavoro dei professionisti dello Studiolo, le ricollocazioni del Miracolo di San Raimondo che resuscita un morto, opera del XVII secolo di Cesare Varchesi, della Predicazione di San Vincenzo Ferreri, di Pietro Dandini (metà XVII sec.) e del Martirio di Santa Caterina, dipinto da Orazio Lomi Gentileschi".

“Ringraziamo ancora una volta la Fondazione Pisa che risponde con generosità ai progetti di restauro e conservazione del patrimonio storico artistico della nostra chiesa - commenta monsignor Francesco Bachi -. In un tempo in cui i musei sono chiusi, la nostra chiesa parrocchiale, aperta ogni giorno dalle 8 alle 20, diventa anche occasione di un percorso culturale sulla bellezza, di cui abbiamo tanto bisogno”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Determinante il suo apporto alla Parte di Tramonana e alla ripresa della manifestazione degli anni '90. Il cordoglio dell'assessore Bedini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Bruno Renato Mariotti

Domenica 17 Ottobre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca