Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:21 METEO:PISA10°13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 27 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccino Pfizer per i bambini di 5-11 anni. Tutti i dati su rischi e benefici

Attualità venerdì 15 ottobre 2021 ore 09:41

Università, studentessa in Dad costretta in bagno

La studentessa in bagno per seguire la lezione in Dad

Unica soluzione per non perdere le spiegazioni del prof, vista l'alternanza di lezioni in presenza e a distanza e la mancanza di spazi disponibili



PISA — "Una lezione in presenza, la successiva a distanza e poi di nuovo in presenza. L'assenza di un'aula studio vicina, biblioteche inaccessibili per seguire le lezioni online, nessuno spazio esterno munito di prese elettriche. Tutto questo costringe una studentessa a seguire la propria lezione online seduta nel bagno di un Polo didattico, chiusa a chiave per paura che i portinai la caccino perché non può sostare nel Polo in luoghi diversi dalle aule di lezione".

Questa quanto segnalato da "Sinistra Per...", che ha anche pubblicato la foto della studentessa dell'Università di Pisa in questione.

"Il 10% delle persone che usano Agenda Didattica nel corso della stessa giornata hanno lezioni sia a distanza che in presenza - hanno spiegato dalla lista di rappresentanza degli studenti universitari pisani -. L'ateneo ha avuto tanta foga di ripartire, ma quanto impegno ha realmente investito per trovare la modalità migliore per accogliere la componente studentesca?" 

Nel mirino dei rappresentanti degli studenti c'è proprio la app varata dall'ateneo per programmare le lezioni in presenza e a distanza. "A Settembre, in fretta e furia, è stata creata Agenda Didattica - hanno commentato in proposito -, con numerosi problemi che potevano essere risolti se l’applicazione fosse stata realizzata per tempo e non all’ultimo momento. Agenda didattica è stata accolta con molto entusiasmo dall’Ateneo, ma la comunità studentesca ha riscontrato diverse problematiche, dal sistema di prenotazione non trasparente, fino alla distribuzione a scacchiera delle lezioni, tra presenza e distanza. Queste difficoltà risentono di un grave problema storico dell’Università di Pisa: la mancanza di luoghi per studiare, per ritrovarsi o banalmente per caricare il pc".

"Come si può parlare di ripartenza se non abbiamo neanche spazi in cui andare a seguire le lezioni? Con la riduzione della capienza delle aule - hanno concluso -, la mancanza di spazi si è fatta sentire come non mai. Un sistema di turnazione nei corsi più numerosi perché non ci sono sufficienti spazi, non può essere la soluzione. Con l’arrivo dell’inverno i posti in aule studio al chiuso restano solamente 279, in tutto l’Ateneo; ma anche con un ritorno al 100% di capienza resterebbero comunque insufficienti per la totalità della comunità studentesca".

A seguito di queste considerazioni "Sinistra per..." ha lanciato l'iniziativa #fatecispazio, per raccogliere segnalazioni di criticità dagli studenti e arrivare ad un presidio di protesta, fissato per le 11 di lunedì 18 Ottobre, in largo Ciro Menotti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore fotografano la situazione sul fronte epidemico nella provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lida Chiavacci Ved. Ginesti

Giovedì 25 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità