Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:37 METEO:PISA17°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità venerdì 09 gennaio 2015 ore 15:39

“Progetto Torre negli Usa? Costoso e inefficace"

A nutrire molte perplessità su quella che non esita a definire “una gita a San Francisco” è Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa



PISA — “Costoso e ci domandiamo quanto efficace in termini di effettiva ricaduta turistica sul territorio, il cosiddetto sogno americano della Torre di Pisa negli Stati Uniti”.

A nutrire molte perplessità su quella che non esita a definire “una gita a San Francisco” della Torre di Pisa in alabastro è Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa.

“Al di là dei proclami, è giusto approfondire costi e opportunità di una simile operazione, tanto più in tempi in cui imprese e cittadini fanno una fatica immensa ad andare avanti – osserva –. Sono stati spesi ben 120 mila euro, 90mila tra Comune di Pisa e Regione, e altri 30mila euro dalle tasche degli imprenditori iscritti alla Camera di Commercio. Una bella somma, soprattutto se paragonata ai benefici ottenuti: tre settimane di esposizione della torre in alabastro in un centro commerciale di San Francisco, la degustazione di prodotti tipici prevista per la giornata d'inaugurazione riservata ai soli operatori turistici di San Francisco, un progetto aperto alla partecipazione degli studenti delle scuole superiori di San Francisco sul romanico pisano, due conferenze sul tema dei lavori di consolidamento della Torre tenute dai professori Michele Jamiolkowski e Carlo Viggiani e infine un sito dedicato”.

“Non si tratta dunque di un progetto per la valorizzazione di Pisa negli Usa – prosegue la presidente di ConfcommercioPisa – ma esclusivamente nella città di San Francisco. Un gemellaggio molto costoso e dubitiamo fino a che punto efficace per la promozione dell'intero territorio pisano”.

Per Grassini, la strada da percorrere è diametralmente opposta, sia in termini di costi che di credibilità: “Sarebbe stato molto più proficuo invitare direttamente i Tour Operator delle principali città californiane a Pisa, piuttosto che proiettare qualche filmato e degustare un aperitivo. Li avremmo accompagnati passo passo alla scoperta del nostro magnifico territorio, facendogli toccare con mano le bellezze del patrimonio storico, culturale, paesaggistico, monumentale, eno-gastronomico”.

“Avremmo risparmiato un sacco di soldi” – conclude lapidaria Federica Grassini – “investendoli per rendere più accogliente e più decorosa la nostra città, migliorandone al tempo stesso i servizi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nella frazione di Agnana. Due persone di 32 e 50 anni sono state trasportate all'ospedale di Cisanello
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità