Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:25 METEO:PISA15°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità sabato 04 luglio 2015 ore 17:00

Pulizia fossi, emessa l'ordinanza

I residenti nel comune dovranno provvedere alla pulizia dei fossi nelle loro proprietà. Obblighi e scadenze



SAN GIULIANO TERME — I residenti nel comune dovranno provvedere alla pulizia dei fossi nelle loro proprietà. A stabilirlo è un'ordinanza comunale emessa il 25 giugno scorso.

Di seguito gli interventi da effettuare ciclicamente:

- escavazione fino a livello e misura dovuta in larghezza e profondità delle fosse confinanti con le strade pubbliche, vicinali, di uso pubblico o soggette a servitù

- ricavatura dei ponti, ponticelli, passi carrabili, callari e fognature private limitrofi alle sedi stradali sopra indicate

- rimozione dei callari provvisori e/o inadeguati e di qualsiasi altro ostacolo per consentire e garantire il regolare e libero deflusso delle acque pluviali

- rimozione delle frane delle ripe e effettuazione di tutti quei lavori idonei ad evitare il manifestarsi delle medesime

- ripulitura dei cigli prospicienti e strade sopra indicate dalle erbacce e dagli arbusti

- taglio delle fronde che protendono oltre il ciglio stradale e oltre le recinzioni

- taglio della vegetazione nei terreni incolti situati nel centro abitato o in adiacenza di abitazioni

- risagomatura, ricavatura a livello, spurgo e pulizia e taglio delle erbe di tutti quei fossi all’interno delle proprietà anche a delimitazione dei confini di proprietà, necessari per il regolare deflusso delle acque che si raccolgono a monte dei fondi, anche se provenienti da terreni di altre proprietà

- realizzazione di tutti quegli interventi atti ad evitare situazioni di allagamento e/o di mancato deflusso e comunque atti ad evitare pericoli anche potenziali per la privata e pubblica incolumità.

Tutti i lavori dovranno  essere eseguiti durante l’interruzione delle colture compresa tra il raccolto e la nuova semina e comunque essere ultimati entro il 20 ottobre per il primo ciclo, e entro il 30 aprile per il secondo-

Il sindaco Sergio Di Maio chiede così anche per quest’anno la collaborazione di tutti i cittadini. “C’è sempre più bisogno che ciascuno dei soggetti coinvolti faccia la propria parte per il benessere comune – interviene Di Maio; purtroppo i gravi problemi e i conseguenti disagi che si creano se non vengono effettuati gli interventi necessari, incidono su tutto il territorio comunale e sulla popolazione che vi risiede.” 

“A seguito della stessa ordinanza – continua il Sindaco – e dei successivi controlli effettuati per verificare il rispetto della medesima, nell’anno 2014 sono stati elevati 342 verbali ai quali, in parte, è stato inoltrato ricorso; alcuni di questi ricorsi sono in corso di valutazione da parte degli uffici competenti. Nell’anno 2014 inoltre l’Ufficio Ambiente ha effettuato regolarmente dei sopralluoghi nelle zone con più criticità, ovvero soggette ad allagamenti, con lo scopo di sensibilizzare i proprietari interessati a concretizzare prima possibile gli interventi di manutenzione indicati nel provvedimento e anche quest’anno percorreremo la stessa strada: verranno svolti sopralluoghi pre e post scadenza e sicuramente verifiche e controlli dopo la scadenza con l’applicazione delle relative sanzioni in caso di inadempienza”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con 26 nuovi casi in 24 ore, l'ultimo monitoraggio concorda con i numeri emersi negli ultimi giorni in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca