Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Proseguono gli abbattimenti sulla A24, nel tratto Roma-L'Aquila: demolito anche il viadotto Le Pastena

Attualità lunedì 11 agosto 2014 ore 16:12

Quasi 90 vigili, 700 interventi e 120 operatori

I numeri del vicesindaco di Pisa Paolo Ghezzi e del coordinamento delle Misericordie di Pisa dopo i cinque giorni di Route a San Rossore



PISA — "Oltre 550 interventi sanitari oltre ad almeno altri 200, soprattutto per il calore, nella cerimonia conclusiva".  I cinque giorni di Route hanno dato da fare alla protezione civile di Pisa e alle forze dell'ordine che, per 24 ore, tutti i giorni, ha impegnato 87 vigili urbani e 120 operatori, oltre a forze dell'ordine e al personale Agesci. 

E dei volontari delle Misericordie della provincia di Pisa, supportati anche da altre associate provenienti da tutta la Toscana e coordinati da Maurizio Ghiara.
Le confraternite hanno messo a disposizione una media di 8 ambulanze al giorno e oltre 100 soccorritori. In soli quattro giorni di raduno, gli accessi al punto medico sono stati circa 550. Quasi 200 solo nella giornata
di domenica e circa 400 gli interventi gestiti sul campo dai volontari delle
ambulanze.
“Vogliamo ringraziare tutti i volontari e tutte le Misericordie che hanno lavorato
ininterrottamente per giorni interi – affermano i responsabili del settore
protezione civile del coordinamento pisano delle Misericordie -
. Con la loro
partecipazione, il loro impegno, e grazie anche al personale della centrale
operativa 118, tutto è andato per il meglio".

Negli stessi giorni, al posto medico avanzato del Gruppo di Chirurgia d'urgenza sono state visitate 395 persone (divise in 350 prestazioni e 45 osservazioni) e a dover ricorrere al pronto soccorso sono state, su oltre 30mila scout, solo 63 persone, arrivate con traumi minori, piccole ustioni, qualche caso di febbre o problemi gastrointestinali. 

"È stato un impegno serio, costante, svolto con grande senso di responsabilità - secondo il vicesindaco Paolo Ghezzi -. Sentivamo tutti l'enorme carico di responsabilità nei confronti dei ragazzi di San Rossore e delle loro famiglie che con fiducia hanno affidato i loro figli a questa città e all'organizzazione dell'evento. Gli scenari di rischio, sia ordinari che straordinari, erano chiari e le procedure di emergenza sono state condivise da tutti i soggetti coinvolti e adattate alle esigenze in funzione di un costante confronto con i responsabili di Agesci".

L'attenzione della Protezione civile è stata rivolta a tre aspetti ritenuti prioritari: l'antincendio boschivo, la tutela sanitaria, la cerimonia finale con le procedure di uscita.

Servizio Video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport

Attualità