Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:36 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Primo lockdown per Kiribati

Attualità venerdì 07 novembre 2014 ore 15:04

"Quei fanghi che ostruiscono il Canale"

Il comitato di Porta a mare: "Chiediamo di essere messi a conoscenza dei lavori eseguiti finora a protezione della popolazione"



PISA — "Quali misure sono state prese per prevenire il fatto che fanghi e detriti vadano ad ostruire il deflusso che dal Canale dei Navicelli sfocia in mare?" 

A chiederlo, in una lettera indirizzata al sindaco di Pisa Marco Filippeschi e all'assessore David Gay, è il comitato di Porta a mare, preoccupato per il contenuto di un documento redatto un anno fa da Giovandomenico Caridi, amministratore unico della Spa Navicelli, dove si legge: "Il Canale dei Navicelli dovrebbe avere una profondità costante di tre metri, ma attualmente questa profondità si trova solo sull'asse centrale. Tale situazione non dipende dal Navicelli, che è palancolato ( le palancole sono strutture verticali che sopportano le sponde) ma dai canali che sfociano nel Navicelli stesso, ovvero: Scoli di Pisa, fosso della Sofina, Fosso della Mezzanina, Fosso dell'aeroporto, Fosso del Mandracchio, Idrovora di Tombolo, Idrovora di Calambrone, Fossa Chiara, Canale Emissario Bientina e Canale Scolmatore.

Questi, si legge ancora nel documento: "Sono gestiti dal Consorzio di bonifica fiumi e fossi che da oltre dieci anni non eseguono lavori di dragaggioDagli studi fatti prospezioni geofisiche dell'università di Pisa, si è accertato che tali canali apportano annualmente sul Navicelli oltre 30 mila metri cubi di fanghi."

"L'esondazione del Canale dei Navicelli avvenuta il 31 gennaio scorso -commentano dal comitato di Porta a mare- è stata, tutto sommato, contenuta anche perché, fortunatamente non ha trovato un vento ostile. La continuità politica e amministrativa avrebbe dovuto accelerare gli interventi sul territorio riqualificando un tessuto urbano, e non solo, che da decenni è stato abbandonato. Purtroppo dobbiamo constatare che gli interventi finora eseguiti, come ad esempio a Porta a mare, sono stati imposti in maniera autoritaria lasciando incompiuti tutti i progetti iniziati. Chiediamo di essere messi a conoscenza dei lavori eseguiti finora a protezione della popolazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Cronaca

Attualità