QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°25° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 23 luglio 2019

Cultura venerdì 20 gennaio 2017 ore 19:00

La Scuola Sant'Anna porta Leonardo in 3D

Dal 21 gennaio i Musei Capitolini ospitano il manoscritto del “Codice sul volo degli uccelli” accompagnato da un’esperienza multimediale e 3D



ROMA — A partire dal mito di Dedalo e Icaro, volare è il sogno che appartiene alla storia della civiltà.

Il Codice sul volo degli uccelli, il manoscritto che raccoglie la summa delle intuizioni elaborate da Leonardo da Vinci sull’argomento, arriva per la prima volta a Roma, ai Musei Capitolini, dal 21 gennaio al 17 aprile 2017. Il manoscritto originale è protagonista della mostra al cui allestimento ha contribuito il Laboratorio di Robotica Percettiva dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna, che ha realizzato contenuti multimediali esclusivi come immagini in 3D, che permettono una percezione “immersiva” dei prototipi realizzati da Leonardo.

La mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è curata da Giovanni Saccani e Claudio Giorgione, da un’idea e con l’organizzazione dell’Associazione Culturale MetaMorfosi, con il supporto di Zetema Progetto Cultura.

L’originale del Codice del volo degli uccelli, custodito dalla Biblioteca Reale di Torino sin dal 1893, è un quaderno in cui Leonardo da Vinci scrisse e illustrò i suoi studi sul volo. Basandosi sull’osservazione degli uccelli, Leonardo elaborò una vera e propria teoria attraverso la quale progettò le sue macchine volanti. L’analisi del volo degli uccelli è condotta in modo rigorosamente meccanico attraverso progetti, appunti e disegni sulla fisionomia dei volatili, sulla resistenza dell’aria e sulle correnti.

Il Codice è esposto a Roma in un box climatizzato, realizzato per l’occasione, che permette il mantenimento del corretto livello di umidità relativa ma i visitatori potranno ammirarlo nella sua completezza grazie alle apparecchiature multimediali touchscreen che consentono di “sfogliarlo” virtualmente e di “navigarlo” in alta risoluzione, avendo anche a disposizione la trascrizione in italiano e in inglese. Saranno esposti anche alcuni volumi della Biblioteca Reale di Torino che ne tracciano la fortuna editoriale nella produzione di facsimili, a partire dalla preziosa edizione francese di fine Ottocento.

Grazie alla partnership con l’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna, il pubblico utilizzerà le tecnologie più avanzate per fruire di contenuti multimediali realizzati per la mostra: immagini in 3D, che permettono una percezione “immersiva” dei prototipi realizzati da Leonardo, e immagini ad alto impatto emozionale che, come in un viaggio, accompagnano il visitatore tra le geniali intuizioni del maestro toscano testimoniate, passo per passo, dalle pagine del Codice. Abbandonando per alcuni minuti il senso della realtà fisica, i visitatori saranno circondati dallo spazio e dal tempo di Leonardo, pronti per sentire le sensazioni che un uomo del suo tempo avrebbe vissuto nella meraviglia della scoperta del contatto con l’aria e con il vuoto.

Anche Sky 3D ha voluto apportare un contributo all’evento espositivo. Confermando la sua particolare attenzione verso il mondo della documentaristica prodotta in 3D riguardante la natura e gli animali, è infatti presente in mostra con una suggestiva sequenza di immagini tridimensionali dal documentario “Alla conquista dei cieli” di David Attenborough interamente dedicato al volo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca