Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima di Valentino Rossi, si commuove per la festa e lancia il casco ai suoi tifosi

Cronaca giovedì 01 maggio 2014 ore 17:10

Verdure e cereali contro il tumore del colonretto

Secondo uno studio di università di Pisa e Aoup, una dieta sana aiuta a prevenire



PISA — Una dieta sana a base di verdure e cereali può preservare dallo sviluppo dei tumori del colonretto.
Lo dimostra uno studio, finanziato dall'Istituto toscano tumori e condotto da un team di genetisti, chirurghi, immunologi e anatomopatologi dei tre dipartimenti dell'area medica dell'Università di Pisa e dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana, coordinati dalla genetista Lucia Migliore e focalizzato sui meccanismi epigenetici.
La ricerca, spiega l'Aoup, ''ha evidenziato nei pazienti colpiti dalla malattia differenze nei livelli di metilazione di cinque geni critici per il processo di cancerogenesi del colonretto tra il tessuto tumorale e quello sano, mostrando numerose correlazioni con le caratteristiche fisiologiche (età, sesso) e patologiche (stadi della malattia)".
La metilazione del Dna, uno dei principali meccanismi epigenetici di regolazione dell'espressione genica,è strettamente correlata al metabolismo dei folati (vitamine del gruppo B) perciò una dieta sana composta da verdure a foglia larga, broccoli, carciofi, legumi, cereali e fegato risulta protettiva ''nei confronti del tumore del colonretto in persone sane'' e la ricerca ha evidenziato ''un importante contributo del metabolismo dei folati ai livelli di metilazione gene-specifica osservati nel tessuto sano e in quello tumorale''.
Il lavoro è conferma che anche la dieta può modulare i livelli e la natura dei segnali epigenetici, fondamentali nel mediare la capacità dell'ambiente di regolare l'espressione del genoma. Anzi, conclude l'Aoup, ''essa sembra essere un fattore fondamentale in grado di far incrementare o diminuire sensibilmente il rischio di molte patologie complesse, in particolare i tumori del tratto gastro-intestinale''.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca