comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Governo, sì della Camera alla fiducia a Conte: maggioranza assoluta con 321 sì

Attualità lunedì 02 novembre 2020 ore 12:37

"La cultura non è tempo libero"

Lucia Scatena

La vicesindaca sangiulianese Lucia Scatena: "Sostenere il mondo della cultura e i suoi lavoratori sta alla base di una società sana"



SAN GIULIANO TERME — "L'articolo 9 della Costituzione italiana promuove lo sviluppo della cultura - ricorda la vicesindaca Lucia Scatena -. Ancora una volta però, con le nuove misure destinate peraltro a inasprirsi ulteriormente, chi paga è ancora una volta la cultura, con i suoi lavoratori, con tutto il suo indotto, se vogliamo vederla anche dal punto di vista economico".

"Si sono chiusi i teatri - prosegue la vicesindaca sangiulianese -, le sale cinematografiche, le sale da concerto dove, tramite tutte le adeguate misure anti Covid-19, è stata garantita la salute a tutti i cittadini senza alcuna prova di focolai d'infezione nati in quel luoghi. Paradossalmente si continua a giocare a calcio, il calcio quello che fa incassare, nonostante ogni giorno arrivino notizie di giocatori positivi al coronavirus. E si continua ad andare al lavoro su mezzi pubblici pieni all’inverosimile, su treni collassati, sulla metro più che piena di persone".

Allora a cosa hanno equiparato la chiusura della cultura, forse alla movida, forse all'ora dell'aperitivo? Non si è capito cosa vuol dire cultura? La cultura non è tempo libero - conclude Scatena -, non è andare a passare un'ora solo per uscire da casa, la cultura è ricerca e innovazione per arricchirci costantemente di nuove cose e opportunità. La cultura è la nostra opportunità per costruire e andare incontro a un mondo di qualità. Per questo tramite la letteratura, le sale cinematografiche, i concerti e i teatri deve essere resa accessibile a tutti: è il nostro motore sociale. Emarginare la cultura vuol dire avere poca sensibilità e compromettere seriamente il nostro futuro di crescita comune, di creazione di comunità. Gli artisti tutti e i lavoratori del mondo della cultura chiedono rispetto".



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Cronaca

Cultura