comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:PISA10°13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump se ne va, il mondo può tirare un sospiro di sollievo

Attualità venerdì 11 settembre 2020 ore 08:56

"La nuova rotatoria progettata senza ciclabile"

Fiab Pisa critica il progetto ora esecutivo della nuova rotatoria all'incrocio delle Querciole, che non prevede una corsia per le biciclette



SAN GIULIANO TERME — "Ancora una volta il Comune di San Giuliano rischia di perdere un’occasione preziosa per realizzare un tassello assolutamente strategico per la mobilità sostenibile nel contesto di un importante intervento strutturale, quale la rotatoria c.d. Le Querciole" scrivono da Fiab Pisa.

Per la sezione pisana della Federazione italiana ambiente e bicicletta, senza una pista ciclabile la nuova rotatoria a Ghezzano risulterà fuori norma.

"La rotatoria in questione, sbandierata come un intervento volto a ridurre la pericolosità dell'incrocio e quindi nell'interesse dei cittadini - argomentano da Fiab Pisa -, in realtà è fuori norma: infatti tiene conto solo degli automobilisti, ignorando completamente la sicurezza delle bici, che col nuovo intervento subirà anzi un netto peggioramento. Infatti nel progetto reso esecutivo con delibera della Giunta comunale del 14/5/2019 non risulta previsto l'anello ciclabile, strumento fondamentale a tutela di una categoria debole della circolazione stradale, ovvero il ciclista. La rotatoria rappresenta un'evidente violazione della legge n. 366/1998 che prevede l'obbligo dell'ente pubblico, laddove si costruisca una nuova strada o si faccia manutenzione straordinaria ad una strada esistente, di dotarla di una pista ciclabile.

Non solo, a parere di Fiab Pisa la suddetta rotatoria viola anche anche la direttiva comunitaria 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture, recepita in Italia con d.lgs. 35/2011 nonché le Linee Guida emesse dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che costituiscono norme di principio nel caso di strade comunali e provinciali.

Nel documento da noi inviato il 20-5-2020 al Comune di San Giuliano Terme, indicando una serie di interventi per garantire una mobilità sostenibile in questa fase emergenziale, al punto 8 chiedevamo espressamente: “riprogettazione della rotatoria all’intersezione tra la SP Vicarese e Via di Cisanello Ghezzano, di recente approvata. La progettazione non rispetta l’art. 13 del Codice della Strada perché non prevede un anello ciclabile esterno, e va pertanto modificata sul modello della vicina rotatoria all’intersezione tra Via Bargagna e Via Frascani, peraltro progettata dallo stesso tecnico su incarico del Comune di Pisa. Sarebbe paradossale accingersi ad affrontare le criticità esistenti, e nel contempo crearne di nuove.”

Il nostro documento, ad oggi, non ha avuto alcuna risposta, nonostante le numerose possibilità di finanziare questo tipo di interventi già con la normativa preesistente, ed a maggior ragione con la normativa emergenziale. Per tali motivi, e al fine di impedire lo spreco di denaro pubblico determinato dalla costruzione di una infrastruttura che nasce già obsoleta e soprattutto fuori norma, Fiab chiede formalmente al Comune di San Giuliano Terme e alla Provincia di Pisa la sospensione dell'inizio dei lavori per riprogettare la rotatoria inserendovi l'anello ciclabile
esterno".



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Politica

Attualità