Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:48 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il «quasi» conclave nel ristorante di Roma con Orlando, Provenzano, Ronzulli, Tajani e Cesa

Politica sabato 14 dicembre 2019 ore 13:20

Gara Geofor, maggioranza attacca: "E' fallimento"

Bando Geofor, aperte le offerte per il servizio raccolta rifiuti. La maggioranza sangiulianese:"Fallimento su tutta la linea, Cda si dimetta"



SAN GIULIANO TERME — Ieri è stata aperta l'unica offerta pervenuta a Geofor per il servizio di raccolta rifiuti porta a porta nei comuni di San Giuliano Terme, Vecchiano, Calci, Vicopisano, Pisa e Cascina. 

Unica offerta presentata dall'associazione temporanea di imprese, ATI ed Ecotrasporti, che propone nuovamente il contratto Multiservizi invece del contratto FISE. Ed è proprio dal comune termale, dove la maggioranza ha dato battaglia a Geofor affinché fossero garantiti parità di salario a parità di mansione al fine di garantire una adeguata retribuzione ed efficentare il servizio, che si alza nuovamente la protesta.

I rappresentanti del PD, Sinistra Unita, San Giuliano Futura e Democratici Riformisti Insieme intervengono: "Geofor ha fallito su tutta la linea. Il CDA deve dimettersi." Lapidari i partiti sangiulianesi "Sono stati traditi gli impegni presi dal presidente Fortini con gli operatori, la prefettura e le amministrazioni comunali. Geofor fa economie sulla pelle dei lavoratori con un adeguamento dei contratti al ribasso; aumenta la Tari ai cittadini, non migliora il servizio. L'azienda è andata nella direzione opposta alle nostre richieste."
La notizia conferma i dubbi e le contestazioni fatte dai partiti sangiulianesi nei mesi scorsi a Geofor, quando anche gli scioperi dei lavoratori ed i disservizi sono stati molteplici. 

"Crediamo sia l'epilogo di un modello di gestione nella raccolta dei rifiuti che non funziona" concludono i rappresentanti della maggioranza "il modello impostato con la legge regionale va cambiato. I gestori unici non sono mai partiti, le società di gestione non rispettano i mandati politici e ci rimettono lavoratori e cittadini. La Regione deve mettere mano alla questione rifiuti con una revisione della legge affinché siano garantiti i diritti dei lavoratori, ci sia una gestione efficiente del ciclo e siano premiati maggiormente i comuni virtuosi che hanno alte percentuali di raccolta differenziata.
Siamo a pochi giorni dall'approvazione del bilancio di previsione 2020, le delibere sulla Tari ci saranno solamente per il rispetto delle norme e per non bloccare l'attività dell'amministrazione. Congeleremo la determinazione delle tariffe in attesa di chiarire la questione Geofor.
La nostra battaglia continua."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità