Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:40 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 09 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morta Lina Wertmüller. La notte in cui a 91 anni vinse l'Oscar alla carriera: «Lo dedico a mia figlia»

Cronaca martedì 17 dicembre 2013 ore 20:54

Staminali, Auop all'avanguardia

C'è un nuovo apparecchio nei laboratori della Branca



PISA — Un’apparecchiatura in grado di ottenere una coltura standardizzata di cellule staminali mesenchimali. È arrivata nei laboratori della Banca di cellule e tessuti di Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti di Pisa diretta da Fabrizio Scatena, prima struttura italiana e la seconda in Europa ad averne una.

Sebbene non sia ancora del tutto chiaro quali e quanti potranno essere in futuro gli utilizzi delle staminali mesenchimali, ci sono fondati motivi per pensare che saranno la soluzione per patologie che al momento non trovano soluzioni cliniche. Le cellule staminali mesenchimali offrono possibilità sia nell’ambito della medicina rigenerativa che nella terapia cellulare. Possono infatti essere utilizzate per la ricostruzione di tessuti (muscoli, cartilagine, osso) e in alcune patologie caratterizzate da disordini immunitari, grazie alle loro caratteristiche immunomodulanti.

In tale direzione si articola il progetto dell'Ematologia universitaria (diretta da Mario Petrini) in collaborazione con Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti, che ha recentemente acquisito la strumentazione che ha permesso di ottenere la coltura standardizzata e automatizzata di cellule staminali mesenchimali.

Si tratta sostanzialmente di un isolatore e incubatore dotato di un bioreattore progettato per concentrare la massima superficie disponibile per l’adesione e l’espansione delle cellule nel minor spazio e volume possibile. L’automazione del processo incrementa la sicurezza, riducendo drasticamente la possibilità di errore da parte dell’operatore, oltre al rischio di contaminazione. Si tratta infatti di un sistema completamente chiuso che consente di espandere le cellule e di eseguire i controlli di qualità senza aprire il sistema, semplificando l’impiego di tale strumento in ambito farmaceutico e soprattutto in quello della terapia cellulare. Ogni approccio terapeutico che preveda la manipolazione estensiva delle cellule per applicazioni cliniche (quale ad esempio l’espansione cellulare), implica infatti l’applicazione di specifiche normative, analoghe a quelle inerenti i farmaci. Uno degli aspetti più critici è rappresentato dalla necessità di eseguire l’intero processo in ambienti classificati, le cosiddette “camere bianche”, di cui è dotata la Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Doppio intervento notturno delle forze dell'ordine su richiesta di una donna di 30 anni. Bloccato un uomo dopo un'aggressione sul ponte della Fortezza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità