Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:25 METEO:PISA15°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Sport domenica 29 settembre 2019 ore 08:40

Un pisano sul podio mondiale

Prestigioso podio mondiale in Kazakistan per il maestro Matteo Ronca: con una brillante carriera nel judo, 3 anni dopo stupisce anche nel grappling



PISA — A Nur-Sultan, lo scorso 23 settembre, in occasione del campionato del mondo UWW (united, world, wrestling), federazione di riferimento delle lotta libera olimpica, il pisano Matteo Ronca ha portato a casa un risultato storico. Sono ben 4 gli incontri disputati contro avversari provenienti dalla Lituania, Russia, Kazakistan e Israele. Sconfitto soltanto dal forte atleta russo non ha lasciato spazio neanche al beniamino di casa con cui ha concluso l'incontro prima del termine attraverso una spettacolare azione di strangolamento.

Questo mondiale prosegue il percorso positivo del 2018, quando il terzo posto fu conseguito al campionato d'europa in Russia, convincendo cosi i tecnici della nazionale a schierare Ronca nella stessa categoria di peso al limite dei 77kg anche in questa complessa competizione.

L'atleta Matteo Ronca pur di avvalersi dell'esperienza dei piu' forti atleti che appartengono alle filiali del suo team di appartenenza Matside, si sposta 3 volte la settimana a Livorno, preso la sede centrale appartenente al Maestro di riferimento Bernardo Serrini, per allenarsi anche con le prestigiose cinture nere Giuseppe Volo e Iacopo Pasquini, oltre che assieme ai propri allievi presso la Matside Pisa.

Ronca insegna anche a giovani allievi. Un dojo dove si pratica judo, grappling, brazilian jiujitsu e karate collaborando con il Maestro Marco Gavino, anche lui medagliato in Russia nel 2018 e lo storico Maestro di karate Nazario Lembo.

Secondo Ronca le arti marziali devono avere una funzione sociale che permetta di "organizzare le energie dell'individuo e garantirne la propria difesa personale". Per questo sono numerosi i bambini che praticano e gareggiano nel judo sotto la sua guida tecnica oltre agli adulti che si dedicano al grappling/brazilian jiujitsu che desiderano avvicinarsi alle arti marziali anche se non piu' in tenera eta'.

Matteo Ronca in veste di docente di educazione fisica presso il liceo “G. Carducci” di Pisa, d'accordo con la dirigente scolastica Capparelli, permette l'avvicinamento a queste arti marziali agli studenti interessati. "Ne consegue un miglior rapporto con se stessi e con il prossimo, in modo da poter scoprire le proprie potenzialita' fisiche e allo stesso tempo difenderne l'incolumita'."

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con 26 nuovi casi in 24 ore, l'ultimo monitoraggio concorda con i numeri emersi negli ultimi giorni in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca