Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:00 METEO:PISA23°30°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità mercoledì 19 maggio 2021 ore 18:00

L'ex mattatoio diventerà luogo di aggregazione

Il sindaco Angori: "Con questa ipotesi progettuale chiediamo un finanziamento; obiettivo creare una sede per alcune realtà del volontariato locale"



VECCHIANO — Un progetto di recupero e restauro per dare nuova vita all'ex mattatoio comunale e metterlo a disposizione della collettività e delle associazioni di volontariato del territorio locale. 

Il Comune ha chiesto un finanziamento per la ristrutturazione dell'immobile, il cui progetto di fattibilità, pari a 480mila euro, è stato realizzato da tre donne, architetti del Comune. "Un progetto tutto al femminile- sottolinea il sindaco Massimiliano Angori - per dare nuova linfa a questo immobile".

L'ex mattatoio, di proprietà del Comune, è stato classificato come edificio di interesse tipologico e ambientale. "L'edificio - spiega il sindaco- dovrà essere recuperato tramite interventi di risanamento conservativo, fermo restando il parere della competente Soprintendenza. Il recupero, di iniziativa pubblica, sarà volto a rinnovare l'organismo edilizio in modo sistematico e globale, nel rispetto dei suoi elementi essenziali tipologici, formali e strutturali".

"Le tre nostre architette - spiega Angori- nella progettazione hanno usato particolare attenzione al rispetto della disposizione dei volumi e degli elementi architettonici, che distinguono in modo peculiare il manufatto, configurando la sua immagine caratteristica, anche nella memoria collettiva degli abitanti di Vecchiano. Nella ristrutturazione verrà, quindi, rispettata l'identità del manufatto preesistente, cioè i caratteri architettonici e funzionali di esso che ne consentono la qualificazione in base alle tipologie edilizie, e lo rendono riconoscibile anche dopo l'intervento di recupero. La morfologia dell'edificio, gli spazi razionali e funzionali dell' ex Mattatoio Comunale offrono infatti un perfetto approdo alle esigenze di restituire alla comunità uno spazio pubblico, la cui gestione verrà affidata alle associazioni del territorio. Il recupero sensibile e rispettoso delle caratteristiche peculiari del fabbricato, pur senza rinunciare alla gradevolezza di ambienti rinnovati e ingentiliti, vuole trasmettere la storia di questo edificio, la sua importanza pregressa nella vita della comunità e creare un momento di riflessione e arricchimento culturale verso tutto ciò che tale edificio può avere da raccontare. L'obiettivo è quindi restituire l'ex Mattatoio Comunale alla collettività tutta, anzi consegnandolo per la prima volta ad un uso veramente condiviso e intergenerazionale, grazie ad una riconversione che vede aprire le sue porte alla cittadinanza di Vecchiano per un beneficio e una fruizione concreta e diretta e non solo, come anticamente è nato, come strumento del circuito economico e produttivo, si intende valorizzare l'edificio e al tempo stesso arricchire il territorio e la vita dei suoi abitanti". 

"L'amministrazione comunale di Vecchiano - aggiunge il sindaco- da sempre è impegnata nella valorizzazione della cultura del volontariato, realizzando con le varie realtà locali delle vere e proprie sinergie che hanno consentito di affrontare periodi impegnativi come quelli della fase più dura della pandemia. È stato perciò naturale per noi pensare di destinare questo immobile, una volta restaurato, alle realtà del volontariato locale che necessitano di una sede. La conquista di questo spazio pubblico urbano e il recupero dell'ex Mattatoio Comunale, inoltre, favorirebbero il miglioramento di questa zona un po' a margine del centro abitato, rappresentando una piccola area di particolare interesse per la vita sociale di Vecchiano. Una volta recuperata la struttura rappresenterà dunque una nuova infrastruttura culturale e aggregativa per il territorio comunale".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ragazzo ha 23 anni e non ha dato più notizie alla famiglia da sabato scorso. E' originario di Marsala, in Sicilia ed è in Toscana dal 2017
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca