Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Emissioni di CO2: l'impatto di internet, cloud e streaming sul riscaldamento globale e come ci ingannano i big del web

Attualità giovedì 22 luglio 2021 ore 13:34

A Pisa la migliore tesi di dottorato

Nicola Di Fidio

Catalisi per lo sviluppo sostenibile: Nicola Di Fidio, assegnista di ricerca al dipartimento di Chimica e Chimica industriale premiato per la sua tesi



PISA — Nicola Di Fidio, assegnista di ricerca al dipartimento di Chimica e Chimica industriale dell'università di Pisa e dottore di ricerca in scienze chimiche e dei materiali, ha vinto il prestigioso premio Adolfo Parmaliana 2021 assegnato dal Gruppo Interdivisionale di Catalisi (Gic) della Società Chimica Italiana alla miglior tesi di dottorato svolta sul tema della catalisi per lo sviluppo sostenibile. Il premio, giunto alla dodicesima edizione, è stato istituito nel 2010 per onorare la memoria del professor Parmaliana, docente di chimica industriale all'università di Messina, appartenente al Gic, scomparso nel 2008.

Nicola Di Fidio, 30 anni, originario di Barletta, ha conseguito nel 2013 la laurea triennale in Biotecnologie per l'Innovazione di processi e prodotti e nel 2015 la laurea magistrale in Biotecnologie industriali e ambientali all'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. A novembre 2017 ha iniziato il corso di dottorato di ricerca in Scienze chimiche e dei materiali all'università di Pisa, conseguendo il titolo lo scorso Aprile.

La tesi sua descrive un lavoro di ricerca volto a creare e ottimizzare degli innovativi processi di bioraffineria basati sulla combinazione sinergica della catalisi chimica (omogenea ed eterogenea) e della biocatalisi (enzimatica e su cellula intera). Implementando i principi della chimica verde e dell'economia circolare, Di Fidio ha ideato, realizzato e ottimizzato diversi approcci catalitici per frazionare e convertire delle biomasse agro-industriali residuali, quali la canna infestante e gli scarti cellulosici di cartiera, in molecole a elevato valore aggiunto, tra cui un biodiesel di nuova generazione non in competizione con la filiera alimentare.

La cerimonia di premiazione da parte del direttivo del Gic si svolgerà all'auditorium del campus scientifico dell'università Ca' Foscari di Venezia, il prossimo 10 Settembre.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità