Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Stupido figlio di p...», la gaffe di Biden che insulta un giornalista a microfono acceso

Cronaca venerdì 25 aprile 2014 ore 11:00

​Belle, buone e che fanno bene. Ecco le albicocche pisane

Ma sono una trentina le qualità che l'università di Pisa ha selezionato recuperando anche sapori di un tempo



PISA — Sin dagli anni '70 a Pisa si portano avanti studi sull'albicocca e in 40 anni sono state selezionate una trentina di nuove varietà e molte altre sono allo studio degli scienziati intenzionati a coniugare l'aspetto esteriore, fattore fondamentale nella vendita, alla bontà e al gusto. 
Nell'area di sei ettari e mezzo dove lavorano questi ricercatori è stata anche ideata la varietà denominata pisana, che si caratterizza per il frutto molto colorato, con la buccia rosso-arancio ricca di antiossidanti naturali, da cui sono nate, attraverso incroci con albicocchi europei ed extraeuropei, alcune varietà più recenti come ad esempio la claudia, la bona o l' ammiraglia.

“Uno dei nostri obiettivi è di recuperare il valore nutritivo e organolettico, quindi il sapore, delle varietà più antiche senza dimenticare però di migliorare i frutti dal punto di vista dell’aspetto esteriore, che è uno degli elementi fondamentali alla base della scelta dei consumatori - spiega Rossano Massai professore del dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’università di Pisa -. Questo genere di studi richiede però tempi molto lunghi: per valutare una generazione di centinaia di piante ottenute da seme ci vogliono almeno 15 anni dal momento in cui si effettua un incrocio e questo è un problema dato che ormai i finanziamenti sono concessi per periodi molto brevi, emarginando di fatto questo settore a tutto vantaggio degli altri paesi europei e non solo. Basti pensare che l’ultimo finanziamento del ministero delle Politiche agricole e forestali utile per questo genere di ricerche risale ormai al 2004”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal bollettino regionale i dati che fotografano l'andamento dell'epidemia nelle ultime ventiquattro ore. Altri due decessi in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità