QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 febbraio 2019

Spettacoli giovedì 06 marzo 2014 ore 09:10

Andrea Chénier torna al Teatro Verdi di Pisa

Biglietti quasi esauriti per assistere alle due recite del capolavoro di Umberto Giordano molto amato dagli appassionati di lirica



PISA — Manca da Pisa dal 1977. Ma ora, Andrea Chénier, l’opera di Umberto Giordano è pronta a tornare. Restano pochi biglietti per assistere, venerdì 7 marzo alle 20,30 e domenica 9 marzo alle 16 allo spettacolo che mette nei ruoli principali artisti di casa nei massimi teatri nazionali e internazionali.
In entrambe le recite canta Chénier un veterano del ruolo, il tenore Piero Giuliacci, interprete dei ruoli drammatici verdiani e pucciniani, una carriera che lo vede nei più importanti teatri lirici del mondo fin dalla prima metà degli anni ’90.
Si alternano nei panni di Gérard due baritoni come Elia Fabbian (venerdì), qui al debutto nel ruolo, giovane artista che, dopo gli esordi giovanissimo al Mozarteum di Salisburgo ne La Serva padrona, si è imposto all’attenzione di pubblico e critica e ha calcato le scene da protagonista (tra i suoi successi più recenti Jago nell’Otello di Verdi al Massimo di Palermo poche settimane fa) e Sergio Bologna (domenica), artista di solida carriera, già più volte Gérard, Jago nell’Otello della scorsa Stagione qui a Pisa e recentissimo Sharpless nell’acclamata Madama Butterfly al Carlo Felice di Genova. Debuttano entrambe il ruolo di Maddalena di Coigny le due soprano: venerdì Rachele Stanisci, giovane artista ormaidi casa sui palcoscenici di tutta Europa, protagonista in opere comeFrancesca da Rimini a Parigi diretta da Daniel Oren, I Vespri siciliani a Londra diretta da Antonio Pappano, fino al recentissimo Ballo in Maschera a Trieste; domenica Silvana Froli, artista lucchese dall’ottima carriera, che il pubblico pisano ha già avuto modo di apprezzare come Silvia nelloZanetto di due stagione fa e come Tosca in questa stagione. Al suo primo Chénier anche il direttore, Elio Orciuolo, che torna a Pisa, di nuovo alla guida dell’Orchestra Arché, dopo il personale successo riscosso lo scorso anno con l’opera Falcone e Borsellino, una intensa carriera come direttore sinfonico e operistico – in particolare verdiano –, attuale direttore artistico dell’Opera di Panama; tra i suoi prossimi impegniSimon Boccanegra a Skopje, Nabucco in Costa Rica e, nel 2015, all’Opera di Panama, la prima mondiale di un’opera inedita del compositore Matteo Musumeci commissionata per l’ inaugurazione del secondo Canale di Panama. La regia è di Carlo Antonio De Lucia, firma di punta del Teatro Politeama Greco di Lecce, regista d’opera in molti teatri italiani e stranieri, una cifra stilistica caratterizzata dal taglio elegantemente classico e coerente con le indicazioni di compositore e librettista. Scene e costumi sono di Alessandra Polimeno, disegno luci di Enrico Basoccu.Negli altri ruoli, com’è ormai consuetudine del Teatro di Pisa, giovani artisti prevalentemente cresciuti nell’alveo delle esperienze di LTL Opera Studio: la mulatta Bersi è Valeria Sepe (un personale successo nell’Otello della scorsa stagione come Emilia, ruolo che poi è stata chiamata a reinterpretare nell’acclamato Otello genovese di pochi mesi fa), la contessa di Coigny Sofia Janelidze, Roucher Veio Torcigliani, Madelon Tamta Tarieli; nei duplici ruoli del sanculotto Mathieu e del Maestro di Casa Juan José Navarro, dell’Incredibile e dell’Abate Nicola Vocaturo, di Fléville e di Fouquier Tinville Gianluca Tumino, del carceriere Schmidt e di Dumas Eugenij Gunko.Coro Ars Lyrica, Maestro del Coro Marco Bargagna, danzatori dell’Imperfect Dancers Company, movimenti coreografici di Walter Matteini. “Dramma di ambiente storico in quattro atti”, su libretto di Luigi Illica, Andrea Cheniér, com’è noto, è ispirato alla biografia del poeta francese André Marie de Chénier che, vissuto all’epoca della Rivoluzione Francese, ne fu inizialmente convinto sostenitore per poi condannarne gli eccessi, tanto da entrare nei sospetti dell’ala giacobina più estrema, essere arrestato e morire ghigliottinato a soli trentun’anni.
Legata alle alterne fortune del verismo musicale, Andrea Chénier ancora oggi risente di giudizi opposti: c’è chi ne critica enfatismi e facili effetti e la giudica di livello comunque inferiore rispetto ai capolavoro dei grandi musicisti a Giordano coevi e chi invece ne tesse le lodi per l’efficace illustrazione dell’azione scenica, priva di psicologismi e concettualismi, per la felicità dell’invenzione melodica, per la cantabilità delle sue celebrate arie e duetti, cavallo di battaglia di molti cantanti, tutte qualità che fanno, di Andrea Chénier, una delle opere più amate dai melomaniPer maggiori informazioni tel 050 941111 e www.teatrodipisa.pi.it



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Lavoro