Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:25 METEO:PISA16°29°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lectio magistralis del ct Mancini: «L'allenatore con la sua leadership influenza il successo del team»

Politica sabato 03 luglio 2021 ore 10:00

Cittadinanza a Zaki,"Ipocrisia e mancanza visione"

Dario Rollo

Lo dice il gruppo Consiliare "Valori e Impegno Civico" col capogruppo Dario Rollo dopo il dibattito in Consiglio Comunale. Dura replica del Pd



CASCINA — Nell’acceso dibattito in consiglio comunale in cui si discuteva la delibera per la cittadinanza onoraria di Cascina a Zaki, il consigliere Rollo è intervenuto esprimendo la propria posizione contraria sostenuta da un’attenta analisi geostrategica nell’area del Mediterraneo ed in particolare dei rapporti tra l’Italia e l’Egitto. 

"Delibere come queste - dice - presentate a ciclostile nei consigli comunali, devono essere precedute da valutazioni approfondite del contesto in cui la concessione della cittadinanza andrebbe a inserirsi perché esiste il rischio che possa rivelarsi controproducente rispetto all'obiettivo della liberazione dell'attivista e ricercatore egiziano. Mettere il naso nelle vicende interne di un Paese che, ricordiamolo, senza l’attuale governo avrebbe oggi al potere i Fratelli musulmani (gente cioè che utilizza la legge coranica per risolvere certe “questioni”) significa solamente mettere pure “l’altro piede” fuori dal nord Africa. Accrescendo sempre di più la presenza e l’influenza di quell’altro Paese in una nazione, l’Egitto, militarmente ed economicamente in forte crescita, che controlla il canale di Suez ed è sempre più proiettata verso la Cirenaica (Libia). Nel migliore dei casi, quindi, si tratta di un provvedimento di una stupidità politica senza precedenti."

"Ma d’altronde l’ipocrisia e il politicamente corretto sta uccidendo la nostra società, la nostra cultura, i nostri valori e cancella i nostri interessi nazionali. Con certi personaggi nella Capitale, e sostenuti da altri “non qualificabili” nelle periferie, che non hanno né amor di Patria, né “attributi”, tutto può succedere. Si tratta di un atto deliberato per minacciare seriamente i rapporti bilaterali con un partner strategico a discapito dell’Italia e nell’interesse di un paese straniero che, dopo averci cacciato in “maniera brusca” dalla Libia, adesso sogna di fare altrettanto dalle parti de Il Cairo" aggiunge Rollo, che ha elencato decine di casi di persone nel mondo che subiscono, o hanno subito, ingiustizie. 

Rollo ha aggiunto che "E' stato eletto per lavorare nell’interesse della città e dei cittadini cascinesi, risolvendo loro i problemi quotidiani, dando risposte concrete, avviando progetti di sviluppo del territorio. Non certamente impegnare il consiglio comunale ore ed ore per casi che riguardano livelli superiori e non riuscendo neanche ad approvare le delibere importanti per la città per mancanza di tempo. Lascio agli altri le strumentalizzazioni e l’ipocrisia. E a quelle anime del “volemose bene, siamo europeisti” che non ha ancora chiaro che i diritti umani sono soltanto un paravento, il pretesto per scatenare guerre (militari, commerciali o diplomatiche che siano), ho segnalato tante altre cittadinanze onorarie da conferire" – conclude Rollo.

Dura la replica del Partito Democratico di Cascina:"I commenti del consigliere Rollo e sostenuti con il voto obbediente dal consigliere Peluso, in merito al conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki lasciano senza parole e rendono difficile ogni commento.

La delibera, passata per la commissione competente nella quale nessuno della minoranza ha fatto obiezioni o richiesto migliorie per arrivare ad un testo condiviso, ha visto il voto contrario della lista impegno civico Dario Rollo e l'astensione del gruppo Lega e lista civica Leonardo Cosentini.

La motivazione che ha mosso il consiglio comunale di Cascina è soprattutto di valore simbolico per unire la nostra voce a quella di tanto altri cittadini e cittadine che chiedono a gran voce il rispetto dei diritti umani in un paese che ha fatto del sopruso e delle carcerazioni senza processo il modus operandi nei confronti di oppositori politici.

Preoccupa soprattutto che tali ingiustificate detenzioni colpiscano studenti e studiosi, come fu per Giulio Regeni, coloro cioè che grazie allo studio e alla cultura possono portare un'opposizione puntuale e efficace al regime di Al Sisì.

Come molti italiani e italiane non possiamo e non vogliamo rimanere in silenzio di fronte alla sistematica violazione dei più elementari diritti umani, quali il diritto alla libertà personale, alla libertà di opinione e ad avere un giusto processo con tutte le garanzie di difesa, mescolare morale ed economia è sempre una pratica discutibile.

La libertà va difesa ad ogni costo al di sopra di tutto! Per questo continueremo a fare pressione anche al parlamento e al governo, a cui verrà inviata la mozione come richiesto dal consigliere Poli, perché l'Italia intervenga in modo efficace per garantire la libertà a Patrick Zaki."

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Pisa e provincia assediate dal temporale. Il forte vento ha sradicato alberi e danneggiato i tetti di alcune abitazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Elezioni