Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:27 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 23 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dal patto del Nazareno all'elezione di Mattarella, i giorni del Quirinale - Il videoracconto

Attualità sabato 26 novembre 2016 ore 08:57

Il rimpallo sul ponte di Caprona

I Comuni di Cascina e Vicopisano ai ferri corti mentre il ponte che attraversa l'Arno necessiterebbe di interventi di messa in sicurezza



CASCINA — Come ben dimostrano le immagini ( vedi fotogallery ) le situazioni sulle quali mettere mano ci sono. Due anni fa i lavori sembravano imminenti, salvo poi essere rinviati perchè si parlò di una chiusura totale al traffico per alcuni mesi e residenti e commercianti andarono sulle barricate.

L'arteria sul quale il ponte insiste, connette infatti tutto il traffico che arriva dalla Tosco Romagnola a Cascina con la zona del lungomonte ( Calci, Vicopisano ) in direzione Pisa o Pontedera e viceversa. E' dunque una strada fondamentale soprattutto per i pendolari.

Ma nel frattempo cosa è successo? Secondo la ricostruzione della consigliera comunale leghista di Vicopisano Marrica Giobbi, che sul'argomento aveva già presentato una interrogazione lo scorso 29 aprile, furono i comuni a stoppare il progetto alcuni mesi fa di fronte al malumore della popolazione e ora "L'assessore Taccola di Vicopisano accusa Susanna Ceccardi, allora consigliera di opposizione a Cascina di avere appoggiato le proteste e dunque di avere contribuito alla mancata ristrutturazione".

"In realtà - spiega sempre la Giobbi - mancano anche i cartelli che dovrebbero segnalare il divieto di transito ai mezzi superiori a trenta tonnellate e vorrei sapere se negli ultimi sei mesi è stato elaborato un nuovo progetto e quali sono stati gli sviluppi della situazione".

La questione è infatti complicata. Di fatto i lavori spetterebbero alla Provincia di Pisa, che aveva a disposizione 1 milione e 250mila euro, cifra poi in parte destinata anche alla manutenzione di un altro ponte sull'Arno, quello di Lugnano. 

Ma, visti i passaggi di competenze dell'ente alla Regione, la situazione resta in stand by e "Per partire - spiega Marrica Giobbi - occorre completare l'iter della progettazione esecutiva e indire un bando di gara. Ma non si sa chi dovrà farlo".

Il ponte è comunque costantemente sorvegliato e vengono effettuate ispezioni dalla Provincia per monitorare l’avanzamento del degrado. Il sindaco di Vicopisano Taglioli già a suo tempo aveva dichiarato in consiglio comunale:"Mi hanno garantito che non ci sono grossi problemi da un punto di vista strutturale e non ricorrono pericoli imminenti per cui il ponte è transitabile."

In ogni modo, in caso di piena dell'Arno, come accadde alcuni anni fa, quello di Caprona è il primo ponte che viene chiuso e l’ultimo che si riapre una volta passata. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Incremento stabile rispetto a ieri. In Toscana le positività al Coronavirus accertate nelle ultime 24 ore sono 12190
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca