Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Emissioni di CO2: l'impatto di internet, cloud e streaming sul riscaldamento globale e come ci ingannano i big del web

Attualità venerdì 10 settembre 2021 ore 15:00

Per le donne un nuovo Sportello Antiviolenza

Numerose le richieste di aiuto arrivate dal territorio cascinese alla Casa della Donna di Pisa. L'apertura in Municipio da mercoledì 29 Settembre



CASCINA — Si amplia la rete degli sportelli della Casa della Donna nei Comuni della zona pisana. A Cascina un nuovo Sportello Antiviolenza sarà attivo dal 29 Settembre, ogni mercoledì dalle 10 alle 12 in Municipio (corso Matteotti 80). "Dopo il forte aumento di donne che nell’anno della pandemia si sono rivolte al centro antiviolenza della Casa della donna di Pisa - hanno spiegato dall'amministrazione comunale -, l’associazione insieme alla SdS zona pisana ha deciso di intensificare l’attività del centro antiviolenza sul territorio, potenziando la rete degli sportelli".

Il 2020 è stato, guardando ai numeri, un anno terribile per le donne: da Gennaio a Dicembre si sono rivolte al Telefono donna 050 561628, la linea di ascolto del centro antiviolenza della Casa della Donna, ben 454 donne, oltre 200 quelle residenti nei comuni della Zona Pisana. In particolare i Comuni che hanno registrato più chiamate sono Cascina, San Giuliano Terme e Calci. E il trend sta continuando anche nel 2021. A chiamare sono soprattutto donne tra 30 e 49 anni, ma nel 2020 sono aumentate le giovani donne tra 18-29 anni. Oltre il 74% è italiana e nel 49,6% dei casi sono donne con figli/e.

L’apertura dello Sportello nel Comune di Cascina va a completare la rete territoriale degli sportelli antiviolenza già funzionanti dal 2018 in modalità itinerante e dal 2020 a Vecchiano, Vicopisano e Fauglia con un’apertura settimanale, a San Giuliano Terme, Calci e Crespina Lorenzana su richiesta.

"Riteniamo doveroso e necessario - ha commentato l'assessora alle pari opportunità Giulia Guainai -incentivare l'attivazione di uno sportello antiviolenza nel nostro Comune rendendo più capillare e accessibile questo essenziale servizio di ascolto, accoglienza e uscita da situazioni drammatiche. Lo è ancor più in relazione all'aumento esponenziale di richieste di aiuto dovute alle ripercussione generate dalla pandemia che hanno visto moltiplicarsi i casi di violenza sulle donne".

La proposta fa parte della programmazione “Sistema di accoglienza delle donne vittime di violenza” attraverso una convenzione con la Società della Salute zona pisana che vede capofila la Casa della Donna. Scopo degli sportelli è quello di portare il centro antiviolenza sul territorio, per intervenire nelle situazioni di violenza intra-familiare attivando in tempi rapidi percorsi di uscita dalla violenza ed evitare esiti che possono essere drammatici. 

La presenza degli sportelli ha infatti permesso a molte donne di essere accolte in uno dei punti di ascolto dislocati sul territorio ottenendo l'importante obiettivo di ampliare ed agevolare la possibilità di richiesta di aiuto. Dal Rapporto 2020 sulla violenza di genere in Toscana risulta, infatti, che su 117 femminicidi registrati in tutta la regione dal 2006, la provincia di Pisa è la seconda (15 femminicidi) in Toscana dopo Firenze (31) per numero di donne uccise. Dall’inizio del 2021 sono già 65 le donne uccise in Italia.

“Attraverso la rete territoriale di sportelli - ha ricordato Giovanna Zitiello,coordinatrice del Centro Antiviolenza - possiamo offrire un servizio più vicino alle donne, in particolare in quei comuni da dove provengono il maggior numero di richieste di aiuto, come registriamo da tempo nel Comune di Cascina. Le donne potranno più facilmente rompere l’isolamento e la solitudine a cui spesso sono costrette ed entrare con più facilità in contatto con le nostre operatrici. I colloqui con le nostre operatrici  avvengono presso le sedi delle amministrazioni comunali, quindi in spazi ‘neutri’, non identificabili, a cui si può accedere per tanti motivi. Abbiamo trovato grande sensibilità anche nell’ amministrazione comunale di Cascina, che ha messo a disposizione uno spazio che garantisce riservatezza e anonimato. Ricordiamo, infine, che il servizio è completamente gratuito e aperto a tutte le donne che abbiano bisogno di aiuto".

Basterà comporre il numero “Telefono donna” 050 561628 dal lunedì alla domenica, ore 10.00-13.00 e 16.00-18.00, martedì 10.00-18.00 e prendere un appuntamento, in totale riservatezza e anonimato, presso lo sportello del Comune di Cascina o in uno degli altri sei attivi nei comuni limitrofi (sul sito della Casa della Donna gli orari e le modalità di accesso agli sportelli Atinviolenza della zona pisana). Attivo, inoltre, l'indirizzo di posta elettronica centroantiviolenza@casadelladonnapisa.it

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità