Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il portuale di Trieste no vax che protestava contro il Green pass, ora è intubato: «Ho i polmoni distrutti, sono pentito»

Politica domenica 29 agosto 2021 ore 11:00

Questione sicurezza, botta e risposta Pd-Ceccardi

Il Municipio di Cascina

Prosegue la polemica fra la forza politica che guida l'attuale amministrazione comunale e l'ex sindaca della Lega, oggi europarlamentare



CASCINA — "Visto che l’eurodeputata Susanna Ceccardi sembra abbia qualche difficoltà a ricordare quanto da lei perpetrato sul tema della sicurezza - così dal Partito democratico di Cascina -, durante la sua tanto breve quanto, a dir poco, preoccupante e dispendiosa “carriera” di sindaca nel Comune di Cascina, sarebbe il caso di rinfrescare la memoria attraverso fatti e numeri che non lasciano certo spazio a soggettive interpretazioni".

"Partiamo da una data - argomentano dal Pd -. Il 1°dicembre del 2018 l’istituto di vigilanza privata, Corpo Guardie di Città, riceveva l’incarico da parte dell’Amministrazione comunale di sorvegliare tutto l'anno, dalle 20:00 alle 5:00, il territorio comunale. Il progetto prendeva il nome di “Sentinelle della Notte”, soggetti individuati con il fine di garantire maggiore sicurezza ai cittadini, sorvegliando scuole, parchi, uffici e palazzi pubblici e privati.In due anni e quarantacinque giorni la Giunta, guidata dalla Sindaca, riuscì prevedere la spesa di circa 80.000 euro per non risolvere nulla. I furti non diminuirono né tanto meno gli atti vandalici in generale. Il perché di tale fallimento è da imputare, così come sottolineò lo stesso Ministero, anche al principio in base al quale agenti, che rivestono funzione di lavoro di vigilanza privata, non possono assolvere compiti che, per legge, sono materia di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza".

"Contestualmente - hanno ricordato in conclusione dal Pd -, ed è importante sottolinearlo, gli agenti del corpo di Polizia Municipale avevano dato la propria disponibilità per ore aggiuntive e notturne. Nonostante tale preziosa disponibilità, chi era al governo del Comune ha fatto orecchie da mercante, spendendo, senza concretizzare nulla, soldi dei cittadini cascinesi che non si sentivano tutelati né con la vigilanza privata, né con lo spray al peperoncino, né tantomeno dal Governo di persone che non riuscivano a far tesoro di ciò che avevano a disposizione, ma che, al contrario, impedivano a chi ne aveva la competenza, nel pieno rispetto di tutte le regole, di tutelare la sicurezza dei cittadini. Di una cosa possiamo essere certi: chi all'epoca sedeva nei banchi della maggioranza ha lavorato bene per se stesso ed ha usato la fiducia dei cittadini come trampolino di lancio per la propria scalata politica".

Pressoché immediata la replica dell'ex sindaca Susanna Ceccardi. “Continuo a leggere comunicati deliranti del partito democratico di Cascina sull’operato della nostra amministrazione. La sinistra non ha la minima idea di che cosa voglia dire fare programmazione ed investire in sicurezza - ha detto l'europarlamentare della Lega -: è sotto gli occhi di tutta la popolazione come la città sia diventata ostaggio del degrado e della criminalità in meno di un anno dall’insediamento della giunta Betti. Questo perché la sinistra al potere, accecata dall’ideologia, ha avviato una vera e propria campagna di demonizzazione della giunta precedente cancellando qualsiasi iniziativa promossa a sostegno della sicurezza dei cittadini".

"Il tutto condito con dati inesatti e faziosi - ha proseguito Ceccardi -, come ad esempio i costi dei servizi di controlli notturno e dei plessi scolastici affidati al Corpo Guardie di Città che sono costati meno di 40mila euro e non 80mila euro come la sinistra vuole far credere. Per altro, già in una interrogazione del 2020, l’allora minoranza era stata smentita e sbugiardata dalle nostre risposte. Lascia senza parole vedere come la grancassa della propaganda della sinistra, senza risultati, senza idee, senza soluzioni, continui a percorrere questa strada che non danneggia tanto me o la nostra parte politica quanto invece tutto il territorio ed i suoi abitanti".

"I nostri progetti hanno portato a casa risultati concreti, come dimostrano i fatti - ha concluso l'ex prima cittadina -. I reati predatori e contro il patrimonio erano diminuiti di quasi il 25% secondo i dati della questura. Investire in prevenzione, come il progetto delle sentinelle di notte, non è buttare via risorse. Le risorse buttate piuttosto risalgono al periodo in cui il sindaco Betti faceva l'amministratore della città del Teatro, e per cui la fondazione da lui guidata aveva contratto più di un milione di euro di debiti. Il PD pensi ad amministrare meglio il comune di Cascina, ora che hanno risorse economiche ingenti (tesoretto lasciato dal centrodestra) invece che perdere le giornate in inutili polemiche e risposte piccate ai cittadini che si lamentano di insicurezza e degrado".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità