comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 16°22° 
Domani 18°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 05 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Bersani: «Con centrodestra al governo i cimiteri non sarebbero bastati»

Attualità venerdì 22 maggio 2020 ore 17:49

Il buddismo all'epoca del Covid-19

Wuhan, Cina
Wuhan, Cina

Il punto di vista di Filippo Scianna, presidente dell’Unione buddhista italiana che fa sue le parole del Dalai Lama: “Tutto è impermanente”



SANTA LUCE — “Il primo insegnamento che noi possiamo trarre da questa pandemia è che tutto è impermanente e si può modificare dall’oggi al domani, senza preavviso. Il secondo insegnamento è l’interdipendenza delle cose: un evento in un mercato di una città cinese può influenzare tutto il mondo. Il famoso Butterfly effect (l'effetto del battito di ali di una farfalla) che sembrava una lezione più teorica che pratica si sta rivelando molto concreto. E’ una grande lezione”.

Filippo Scianna ha 50 anni, è di Padova ed è presidente dell’Unione Buddhista Italiana. E’ legato al nostro territorio perché per anni è stato direttore dell’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia in provincia di Pisa, anche in occasione della visita del Dalai Lamanel giugno 2014.

QUInews lo ha raggiunto telefonicamente per avere il suo punto di vista sulla pandemia in corso: “E’ un periodo complesso, ma è anche un periodo di grandi opportunità e possibili trasformazioni”.

Filippo Scianna

Filippo Scianna

Riguardo al Coronavirus Scianna ovviamente è sulla stessa lunghezza del Dalai Lama, massima autorità buddista, che a metà aprile ha dichiarato: “In questo tempo di grande paura, è importante che pensiamo alle sfide a lungo termine. Le fotografie del nostro mondo dallo spazio mostrano chiaramente che non ci sono confini reali sul nostro pianeta blu. Pertanto, tutti noi dobbiamo prendercene cura e lavorare per prevenire il cambiamento climatico e altre forze distruttive. Questa pandemia serve come monito che solo unendoci ad una risposta coordinata e globale riusciremo a far fronte alla portata senza precedenti delle sfide che dobbiamo affrontare. Questa crisi ci dimostra che non siamo separati gli uni dagli altri, anche quando viviamo separati. Pertanto, abbiamo tutti la responsabilità di esercitare la compassione e di aiutare. Come Buddista credo nel principio dell'impermanenza. Alla fine, questo virus passerà, come ho visto passare guerre e altre terribili minacce nella mia vita, e avremo l'opportunità di ricostruire la nostra comunità globale come abbiamo fatto molte volte in passato”.

Il Dalai Lama, 84 anni, in una foto recente

Il Dalai Lama, 84 anni, in una foto recente

Il buddismo è una delle religioni più antiche e diffuse al mondo, a Pomaia esiste il più grande centro italiano: “Il buddismo è incentrato su una gestione ottimale della mente – ha spiegato Scianna - come risposta definitiva al tema della sofferenza. Meditando si creano le condizioni affinché la mente sia più aperta, flessibile e in generale più saggia e compassionevole"”.

L'istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia

L'istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia

Ma fattivamente, anche per un laico, come può aiutare il buddismo? “Ricordandoci che è molto più stabile ciò che sei di ciò hai o ciò che fai. E' importante coltivare qualità interiori come saggezza, generosità, pazienza, amore e compassione perché queste sono le reali responsabili della nostra felicità”.

Wuhan, Cina

Wuhan, Cina

Cosa si fa in un istituto buddista? “I centri buddisti in Italia sono diversi, a Pomaia succedono tante cose, ci sono monaci, laici. L’Istituto Lama Tzong Khapa è principalmente un centro di studi che offre condizioni ottimali per incontrare e praticare il buddismo sia dalla prospettiva religiosa, che filosofica e scientifica. Esiste una collaborazione con l’Università di Pisa che ha dato vita a un master in neuroscienze. Quindi ci sono tanti corsi, da approcci laici con insegnamenti per apprendere e praticare la meditazione, fino a corsi approfonditi”.

Scianna con il Dalai Lama nel 2014

Scianna con il Dalai Lama nel 2014

Gli istituti sono stati chiusi per due mesi e ora, piano piano, dovrebbero riaprire: “La meditazione è una via per trasformare la mente, ci sono vari tipi di meditazione, ce n’è una di tipo concentrativo per renderla stabile, concentrata, presente come una sorta di raggio laser che investiga la realtà e una meditazione di tipo analitico che poggiando su una mente più concentrata cerca di capire come le cose sono, fuori e dentro di noi. Meditazione non è stare seduti a gambe incrociate con un incenso acceso ma far familiarizzare la mente con stati virtuosi”.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità