Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità venerdì 18 novembre 2022 ore 17:51

"Pisa la principale porta d'accesso della Toscana"

Il sindaco Michele Conti ha presentato al Ministero delle infrastrutture l’osservazione alla bozza del Piano nazionale aeroporti proposto da Enac: "Scalo strategico"



PISA — Il Comune di Pisa ha presentato l’osservazione alla bozza del Piano nazionale aeroporti proposto da Enac. Il documento è stato inviato questa mattina dal sindaco Michele Conti alla Direzione Generale per gli aeroporti, il trasporto aereo e i servizi satellitari del Ministero delle Infrastrutture.

L'osservazione, spiega una nota trasmessa da Palazzo Gambacorti - chiede formalmente che il Galilei sia inserito nell’elenco degli aeroporti considerati di “particolare rilevanza strategica”.

"La bozza del Piano nazionale degli Aeroporti presentato da Enac, sviluppato seguendo le Linee Guida impartite dall’ex Ministro Enrico Giovannini - si legge nella nota del Comune di Pisa- indica una proposta per le reti territoriali menzionando quella Toscana composta da Pisa e Firenze e, subito dopo, individua 14 scali di particolare rilevanza strategica in cui figura solo Firenze Peretola".

“Come già dichiarato nei giorni scorsi, è inaccettabile e fuori da ogni logica che l’aeroporto di Pisa non figuri più, associato insieme a quello di Firenze, tra gli scali di rilevanza strategica – ha dichiarato il sindaco di Pisa Michele Conti -. L’aeroporto di Pisa è e deve rimanere la principale porta di accesso della Toscana. Partendo da questo assunto sono andato personalmente al Ministero delle Infrastrutture, che ci tengo a ribadirlo, è il dicastero che ha la competenza di approvare il piano che Enac ha il compito solo di proporre, rappresentando al viceministro Edoardo Rixi la nostra posizione. Stamani, conseguenti alla nostra posizione politica, abbiamo formalizzato l’osservazione inviandola per pec, come richiesto dalla procedura prevista dal dicastero.”

“Lo scalo di Pisa, all’interno del sistema aeroportuale toscano Pisa-Firenze, deve essere mantenuto fra gli aeroporti di particolare rilevanza strategica – prosegue Conti –, così come era previsto nel precedente Piano del 2015, e invito il Presidente della Regione Eugenio Giani e il Sindaco di Firenze Dario Nardella a inviare al Ministero delle Infrastrutture analoga osservazione, per dare prova dell’unità d’intenti di chi rappresenta gli enti coinvolti direttamente nella partita che riguarda lo sviluppo del sistema aeroportuale regionale”.

Tra gli elementi presi in esame nell'osservazione inviata dal Comune ci sono il traffico passeggeri: "Al 30 settembre 2022, dei 5,2 milioni complessivi del sistema aeroportuale toscano, in flessione del 19,8% rispetto ai volumi pre-Covid del 2019, sono 3.494.478 i passeggeri transitati dall’aeroporto Galilei, contro 1.677.933 passeggeri transitati da Firenze Peretola". 

Ma anche la valorizzazione delle reti territoriali: "Nel Piano Nazionale degli Aeroporti vigente, approvato nel 2015 - sottolinea il Comune di Pisa- nell’elenco degli aeroporti “che rivestono particolare rilevanza strategica” figurava la dicitura Firenze/Pisa. Com’era già stato compreso allora, è il sistema Pisa-Firenze a essere strategico, ragione per cui in passato è stato scelto che la società di gestione fosse unica per entrambi gli scali. Tralasciando il riferimento al criterio dei capoluoghi di regione (nella bozza Enac, fra i 14 aeroporti strategici figurano Bergamo e Catania), è palese che il criterio seguito non è stato neanche di sceglierne uno per ogni rete territoriale: Milano Malpensa e Bergamo per la rete lombarda e, per la rete siciliana Catania e Palermo figurano fra gli scali strategici. In quest’ultimo caso, inoltre si parla anche di aeroporti gestiti da società diverse".

Nelle schede descrittive degli aeroporti del Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilità è presa in considerazione anche l’infrastrutturazione dei due scali aeroportuali. "Il Galilei di Pisa - sottolinea ancora il Comune- è direttamente collegato alla strada di grande comunicazione FI-PI-LI che connette lo scalo con Firenze e Livorno, all'autostrada A12 e tramite quest'ultima all'autostrada A11, che costituiscono gli assi viari principali della Toscana centrale; a livello di trasporto collettivo su gomma è disponibile il servizio bus urbano per Pisa ed il servizio bus per Firenze, Siena e Lucca. Infine il People Mover connette alla Stazione ferroviaria Pisa centrale che costituisce uno dei due nodi ferroviari principali per il trasporto passeggeri in Toscana".

Poi c'è la questione della seconda pista. "La bozza del nuovo Pna redatta da Enac - aggiunge il Comune di Pisa- sembra considerare già operativo e funzionale l’aeroporto di Firenze con l’avvenuta realizzazione di una nuova pista utilizzabile da aeromobili di categoria superiore, considerata una condizione necessaria per supportare significative prospettive di crescita. Ma è evidente che la nuova pista ancora non esiste".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca