QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 15°21° 
Domani 14°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 18 aprile 2019

Attualità mercoledì 04 marzo 2015 ore 14:49

I figli dell'immigrazione a scuola di istituzioni

Un percorso formativo per 80 ragazzi di seconda generazione. Iscrizioni fino al 6 marzo



PISA — Venerdì 6 marzo scade l'avviso di selezione per 80 giovani immigrati di seconda generazione per un programma formativo e culturale che ha l'obiettivo di promuovere la partecipazione alla vita sociale, politica e civile della Toscana. L'iniziativa, organizzata da Anci Toscana nell'ambito del progetto europeo I Participate, si svolgerà in 4 città toscane (Firenze, Arezzo, Prato e Pisa) e partirà il prossimo 13 marzo. Di fatto, sarà il più importante percorso di educazione civica sui principi dell’organizzazione politica e sociale italiana mai svolto in Toscana.

Il percorso si svolgerà attraverso lezioni teoriche, scambi con altri giovani provenienti da cinque paesi (Regno Unito, Germania, Portogallo, Spagna, Grecia), visite istituzionali al Consiglio regionale della Toscana, al Parlamento Italiano e al Parlamento Europeo, attività di tutoraggio con associazioni della Toscana, preparazione e presentazione di progetti.

"Questi giovani rappresentano una grande risorsa, non solo per favorire l’integrazione e la conoscenza, ma anche per portare un contributo e un punto di vista che nasce da storie e culture differenti. La Toscana e l'Europa che ci immaginiamo si costruisce tutti insieme e si basa sull'interazione culturale - afferma la presidente di Anci Toscana Sara Biagiotti - Invitiamo tutti gli amministratori a farsi portavoce sul proprio territorio di questa importante iniziativa; oggi come non mai le sinergie con le associazioni di giovani attive sul territorio sono indispensabili per promuovere integrazione e convivenza pacifica".

Il programma europeo I Participate promuove il diritto di cittadinanza degli immigrati e dei ragazzi con background migratorio attraverso lo sviluppo di un modello europeo d’inclusione a livello locale, lo scambio di esperienze e di pratiche d’integrazione e la rimozione degli ostacoli che impediscono la piena partecipazione alla vita sociale e politica. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

Attualità

Attualità