Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:08 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Il 93,4% delle classi è in presenza»

Lavoro mercoledì 12 febbraio 2014 ore 16:47

Iscrizioni in più e cancellazioni in meno, Pisa quinta in Italia per crescita imprenditoriale

Trainano servizi, area pisana e Valdera. Aumentano le imprese guidate da donne, giovani e stranieri



PISA — Qualche iscrizione in più e qualche cancellazione in meno. Ecco come fa Pisa a essere al quinto posto in Italia per tasso di crescita imprenditoriale (+1,2%). Il dato è ben al di sopra di quello regionale (+0,3%) e nazionale (+0,2%), secondo il registro della Camera di Commercio.

Le cancellazioni dal registro imprese della Camera di Commercio di Pisa è passato da 2.834 nel 2012 a 2.675 nel 2013, le iscrizioni salite da 3.058 a 3.198.

A Pisa, però, aumenta notevolmente anche il numero delle imprese in difficoltà. Le aziende pisane entrate in scioglimento e liquidazione passano dalle 647 del 2012 alle 718 unità del 2013 (+11,6%), i fallimenti aperti da 78 a 87 (+11,5%) e i concordati da 9 a 19.

La crescita è trainata dall’area pisana (+1,6% +274 unità) e dalla Valdera (+1,3% + 160 unità), grazie a un significativo apporto, in entrambi i casi pari al +2,4%, dei grandi centri di Pisa e Pontedera.

Limitati, ma pur sempre positivi, sono i contributi del Valdarno inferiore (+0,7% +71 imprese) e della Val di Cecina (+0,5% +18 imprese).

Sono i servizi (+2,5% + 630 unità rispetto al 2012) a trainare la crescita dello stock di imprese mentre l’artigianato (-1,1%, -119 unità) continua a perdere terreno.

Più rilevante rispetto al 2012 è il contributo delle imprese giovanili, di quelle “in rosa” e di quelle guidate da stranieri.

A fronte di un tasso medio di crescita che in provincia si assesta al +1,2%, le imprese femminili crescono dell’1,5% (+153 unità), quelle giovanili dell’11,8% (+574 unità) e quelle guidate da stranieri del 6,9% (+338 unità).

Le imprese guidate da donne rappresentano il 23,3% delle registrate, quelle giovanili il 10,8% e quelle gestite da stranieri. Considerando i diversi settori di attività, sono ancora una volta i servizi (+2,5%, +630 unità) l’unico macro-settore in crescita in provincia di Pisa. Tutti gli altri, ad eccezione delle utilities (+5,8%, 9 unità), segnano invece una contrazione con le peggiori performance che sono appannaggio delle costruzioni (-1,6%, -114 unità), a confermare la crisi del settore e dell’agricoltura (-1,4%, -51 imprese) a causa di un ridimensionamento che può ormai definirsi secolare e non riconducibile agli effetti della crisi. Si arresta la flessione dell’industria in senso stretto che perde solo lo 0,3%.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Navacchio. Il motociclista, sbalzato dal mezzo, è finito prima contro il guard-rail e poi nella scarpata a bordo strada
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica