Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:50 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ferrero perde le staffe in tv: il vaffa rivolto a Panatta

Politica venerdì 23 maggio 2014 ore 16:00

L'Altra San Giuliano e l'emergenza abitativa

Il partito del candidato Luca Barbuti pone l'attenzione su questo problema protestando davanti all'Opera Pia



SAN GIULIANO TERME — Giovedì scorso le candidate e i candidati de L'Altra San Giuliano hanno appeso uno striscione alla facciata dell'Opera Pia a San Giuliano Terme, struttura lasciata al degrado, per protestare contro l'emergenza abitativa:" Nonostante i suoi ampi spazi interni e esterni sarebbero perfetti per una riconversione che contempli sia l'uso sociale che quello abitativo, a beneficio di tutta la cittadinanza - dice la nota del partito - l'Opera Pisa è lasciata nel totale abbandono." 

"Questo edificio da oggi assurge a simbolo della necessità di riaprire gli spazi abbandonati e recuperarli a seconda di bisogni più impellenti sul territorio, così da rompere il paradosso della "troppa gente senza casa e troppe case senza gente".

"Nell'azione di giovedì è stata al nostro fianco anche l'Unione Inquilini, che da anni lotta al fianco di cittadini e famiglie per salvaguardare il loro diritto all'abitare e che come noi sostiene l'assegnazione delle case pubbliche sfitte alle famiglie bisognose, attivando progetti di auto recupero, la sottoscrizione di contratti mediati e – ove necessario – la delibera di requisizione temporanea con contratto concertato. San Giuliano è un comune che da anni soffre l' emergenza abitativa, per questo, insieme a Pontedera, Cascina e Pisa accede a legislatura speciale della Regione Toscana. Moltissimi nuclei familiari e singoli cittadini vivono in case al di sotto dei requisiti minimi di abitabilità e spendono quasi tutto il proprio reddito per pagare il canone di affitto. Non ci sono case per tutti, si dice, mentre ovunque nuove palazzine spuntano come funghi e contemporaneamente numerosi immobili sono lasciati vuoti, a marcire, diventando a loro volta luoghi di degrado".


"Il tema della casa è sempre stato centrale nella nostra attività politica ed è stato anche uno dei fili conduttori di questa campagna elettorale. Le stazioni abbandonate, come quella di Ripafratta, le fabbriche dismesse come la cartiera di Rigoli sono l’altra faccia della medaglia di speculazioni edilizie, come quelle che abbiamo denunciato in tante frazioni del nostro territorio mostrando lottizzazioni eccessive. La regola del mercato sembra essere: lasciare in malora alcuni immobili per fornire il pretesto per costruirne altri che, tra l’altro, rimarranno in grandissima parte invenduti".


"Con la stessa determinazione con cui non perdere un attimo ad attuare queste soluzioni concrete a un bisogno reale della cittadinanza, L'Altra San Giuliano si unisce alla campagna lanciata dalla Rete delle Città Solidali contro l'articolo 5 del Piano Casa, che nega a chiunque occupi un alloggio l'iscrizione all'anagrafe della popolazione residente, con la conseguente impossibilità di accedere a servizi fondamentali quali la sanità pubblica, l'istruzione, l'iscrizione alle liste elettorali.  A questa disposizione illegittima, che viola i principi fondamentali della nostra carta costituzionale, ci opporremo con fermezza".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagiati risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera, comprensorio del Cuoio e alta Valdicecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità