Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità domenica 15 marzo 2020 ore 14:00

Gli infermieri, "Proteggere noi sanitari"

Il sindacato degli infermieri Nursind, col suo coordinamento della area Toscana nord ovest, torna a chiedere dispositivi di protezione adeguati



LIVORNO — "Accettiamo, momentaneamente, anche se con mille remore e certamente non a cuor leggero, le disposizioni di legge più' specifiche per il personale sanitario, come la sospensione della quarantena per coloro che sono stati a contatto con persone positive e la sospensione dell'esecuzione del tampone per l’accertamento alla patologia infettiva da Corona Virus, anche se siamo consapevoli che tali disposizioni porteranno inevitabilmente ad ammalarci, dato che siamo i più esposti alle persone infette.", dicono dal sindacato infermieristico Nursind di Pisa, Lucca, Livorno, Massa e Versilia.

"Naturalmente, ancor più grave, temiamo che proprio gli operatori sanitari, infermieri, medici, ostetriche ed oss, potranno essere i così detti “untori”, cioè coloro che potranno più facilmente trasmettere l’infezione a tutti con cui sono stati in contatto , prima che tali operatori diventino positivi al tampone, che, purtroppo, verrà fatto loro solo nella fase di sintomatologia eclatante e solamente allora sarà concesso loro di lasciare la sede di lavoro dopo aver probabilmente contagiato tutti i pazienti, utenti con cui sono venuti a contatto, senza parlare dei loro familiari, anch’essi non immuni da Corona Virus".

"Nessuno si tira indietro, in questa emergenza sanitaria, accettando turni massacranti e situazioni imprevedibili ed in continuo mutamento. Abbiamo accettato qualsiasi norma di legge e sacrificio che questa emergenza sanitaria e sociale impongano, lavorando incessantemente per 10 12 ore al giorno".

"Noi infermieri stiamo vivendo momenti lavorativi drammatici e alla politica e ai social fa comodo e piace l'appellativo di “martiri e eroi”, ma le istituzioni, l’azienda non si possono lavare così la coscienza; devono fornirci di strutture, mezzi adeguati e soprattutto ci devono tutelare, proteggere affinché il nostro operato possa continuare per tutta la durata di questa emergenza in atto".

"Dobbiamo e vogliamo lavorare con Dispositivi di Protezione Individuale (DPI: maschere, camici/tute, visiere occhialini ecc) idonei al nostro operato, ruolo e etica professionale: “non nuocere a noi stessi per preservare la salute di tutti, di tutta la collettività".

"A proposito di DPI, sia essi di primo che secondo livello (il cui utilizzo è in base al rischio di contagio), devono essere certificati ed appropriati per il tipo di intervento e non possono essere improvvisati o “fatti in casa” e soprattutto molti di questi non possono essere riciclati, riutilizzati per più pazienti o giorni"

"I DPI che in questo periodo sono il pane quotidiano di tutti gli operatori sanitari, arrivano centellinati giorno per giorno e non sono sufficienti per tutte le procedure clinico-assistenziali svolte dai vari operatori che ne dovrebbero fare uso come azioni preventive".

"Da oggi, purtroppo, l’azienda ha iniziato a distribuire dei DPI che sono totalmente inappropriati, non garantiscono la tutela dell’operatore sanitario, ne quella della persona che ha bisogno di assistenza e cura, tradendo integralmente la mission per cui l'azienda li ha acquistati: la protezione finalizzata alla prevenzione della diffusione di questo nuovo Virus, Il corona Virus 19".

"Abbiamo inviato una diffida all’azienda all’utilizzo di tali DPI e richiesto il loro ritiro immediato con sostituzione di mascherine a norma".

"Il messaggio è forte e chiaro; gli infermieri, tutti gli operatori sanitari devono lavorare in sicurezza e l’ azienda, il datore di lavoro, deve mettere in atto tutte le strategie e fornire tutti gli strumenti a norma per garantire la sicurezza del lavoratore".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ferito un giovane di 23 anni, che per i traumi riportati è stato trasportato all'ospedale di Cisanello in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lida Chiavacci Ved. Ginesti

Giovedì 25 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca