QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10°12° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 febbraio 2019

Attualità lunedì 31 agosto 2015 ore 11:01

Marco, in Norvegia costruirà un dirigibile

Marco Tranzatto

Tra i 253 candidati, Marco Tranzatto, laureato a Pisa, ha ottenuto uno dei nove posti disponibili nel progetto “Zeppaloon”, nell’azienda Kongsberg



PISA — È partito per la Norvegia subito dopo aver discusso la tesi di laurea in “Ingegneria robotica” all’Università di Pisa, selezionato tra 250 candidati per far parte del team internazionale di nove ragazzi che aveva l’obiettivo di costruire un dirigibile entro l’estate. 

Marco Tranzatto, 25 anni, originario di Latina, è stato uno dei giovani che ha partecipato al progetto Zeppaloon, promosso dall’azienda norvegese Kongsberg, che ogni anno offre tirocini estivi a studenti, dando loro l’opportunità di lavorare in una grande azienda. Il progetto è terminato lo scorso 14 agosto con una dimostrazione finale che si è tenuta al centro Carpus nella città di Kongsberg.

All’interno del progetto, Marco Tranzatto ha ricoperto il ruolo di control engineer e sostanzialmente ha lavorato al sistema di controllo dell’assetto del dirigibile, in grado di regolare l’orientazione e la velocità di rotazione del pallone. Ha inoltre partecipato all’implementazione del controllore dei sei motori montati sul mezzo. Per costruire il veicolo aereo la squadra di studenti ha utilizzato anche nuove tecnologie, come per esempio la stampa di componenti in 3D.

Oltre a Marco, il team del progetto “Zeppaloon” era composto da otto studenti, a rappresentanza dell’Università di Trondheim, dell’Università di Copenaghen, dell’Università di Glasgow, del Collage Olin di Boston e dell’Università di Tolosa.

“Avevamo tutti un background diverso e abbiamo imparato gli uni dagli altri a risolvere diverse tipologie di problemi – ha raccontato Marco al rientro dalla Norvegia – Per dare un'idea, il team era composto da sei studenti di ingegneria (del controllo, meccanica e design), un fisico, una matematica e uno studente di economia e management”.

Tra i supervisori del progetto “Zeppaloon” c’era anche Vincenzo Calabrò, un altro laureato all’Università di Pisa che, dopo aver conseguito il dottorato, è stato assunto da Kongsberg, gruppo internazionale che fornisce prodotti altamente tecnologici all’interno del mercato petrolifero, del mercantile, della difesa e dell’aerospazio. Nell’estate 2015 la compagnia ha assunto 179 studenti che hanno lavorato su 7 diversi progetti, su più di 2000 domande ricevute.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità