Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:PISA17°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Cultura martedì 05 gennaio 2021 ore 15:04

"Per prima cosa ho pensato agli artisti"

Pierpaolo Magnani, assessore alla cultura del Comune di Pisa

Così l'assessore alla cultura Magnani nel tracciare un bilancio del 2020. Polemiche per il mancaro arrivo dei fondi per la Cittadella Galileiana



PISA — L'assessore comunale comunale Pierpaolo Magnani, volendo fare un bilancio del 2020, non ha esitato a parlare dell'anno appena trascorso come "il peggiore della storia della nostra Repubblica, accomunata in questo alle sorti del mondo intero". Spazio anche alla polemica verso la Regione che non ha erogato i 2,5 milioni destinati alla realizzazione della Cittadella Galileiana dentro l'area dei Vecchi Macelli ( fondi derivanti dalla vendita delle quote della Sat ), circostanza per la quale Magnani ha duramente protestato dicendo addirittura di essere pronto a incatenarsi sotto la Regione.

"Non è stato affatto facile svolgere il mio compito nel 2020 - ha sottolineato -; assessore alla cultura in un anno in cui la cultura come entità astratta è stata considerata come essenza residuale, di fronte ad un emergenza sanitaria, sociale ed economica che ci ha costretti a vivere nella totale incertezza e con orizzonti e prospettive che mutavano di giorno in giorno impedendo qualsiasi pianificazione, soprattutto in un settore che vive esclusivamente per promuovere scambi, condivisioni, rapporti umani ed intellettuali. Ma quel che ha reso le cose ancor più drammatiche è il fatto che la “cultura” non è solo un entità astratta; è un settore economico, nutre un tessuto sociale enorme, è fatta di uomini e donne, che con il loro coraggio, perché di coraggio si deve parlare purtroppo, in una nazione come l’Italia, che della cultura a 360 gradi dovrebbe fare la propria priorità, ma che ancora non riesce a guardare a chi vive di arte come ad un lavoratore al pari degli altri".

L'assessore del Comune di Pisa racconta del suo operato, mirato ad aiutare in primo luogo gli artisti ma ostacolato dalla burocrazia: "Ho cercato di fare del mio meglio per aiutare in primo luogo gli artisti - queste le sue parole -, per quel poco che avrei potuto fare, limitato e rallentato dalla burocrazia di sempre aggravata dalla nuova burocrazia made in covid”.

"Gli artisti professionisti in primo luogo - ha ricordato Pierpaolo Magnani -, quelli che fanno fatica, perché troppo spesso vengono retribuiti “al nero”, a mettere in fila un numero sufficiente di “agibilità (ex) Enpals”, le “marchette” per dirla con un termine popolare, che consentono loro di essere riconosciuti anche dal Ministero e di concorrere agli eventuali “aiuti di Stato”. 100 euro in mano alla fine della serata presi dall’incasso, arrivederci e grazie.Sicuramente un metodo veloce, molto più veloce di quello usato da noi quest’anno, che purtroppo è stato sicuramente anche troppo lento, tanto da far andare fuori dai gangheri me per primo con tutta la catena di uffici attraverso i quali devono passare i fogli, in un percorso ad ostacoli, prima che la prestazione artistica si concretizzi in un bonifico sul conto. Però oggi, io sono molto soddisfatto del lavoro svolto e delle scelte che ho fatto".

A seguire alcuni numeri forniti dallo stesso assessore.

- 45 spettacoli per uno stanziamento totale di 98mila euro. 65 artisti locali più 6 associazioni ed un coordinatore artistico "che hanno ricevuto un compenso per la loro prestazione; tecnici, maestranze dello spettacolo tutto perfettamente (come è ovvio che sia) “regolare” sotto ogni profilo contributivo, sanitario, fiscale".

- Un contest video "che ha permesso ai 28 artisti professionisti pisani che hanno partecipato di ricevere 1.000 euro a testa (per un impegno totale dell’assessorato di 35mila euro). 15mila euro sono stati utilizzati per l’assegnazione di 4 premi per opere di artisti dedicate a Galileo in occasione della terza edizione delle giornate galileiane".

- 50mila euro sono stati destinati "alle associazioni culturali che svolgono un attività rivolta alla socialità ed alla crescita culturale della collettività; le 12 realtà risultate in regola con i requisiti tra le 15 che hanno fatto domanda riceveranno quasi 3 mensilità e mezzo di affitto ciascuna".

- 23mila euro "assegnati come contributi straordinari a 5 realtà che hanno garantito la continuità di iniziative consolidate per la nostra città anche nel 2020, senza contare i 100mila erogati all’Internet Festival".

- 114mila euro destinati "alle associazioni culturali come contributi ordinari (sui 28 richiedenti, 23 riceveranno il 100% di quanto richiesto e le altre 5 non meno del 75%) assegnati secondo criteri che premiassero la capacità di operare in contesto difficile come quello dell’anno trascorso, ma anche la disponibilità ad affiancare l’Amministrazione Comunale nel tentativo di aggiudicarsi il titolo di Capitale della Cultura 2022". 

Sul fatto che Pisa non è rientrata fra le città finaliste nella corsa a Capitale della Cultura, l'assessore Magnani ci tiene a sottolineare che non tutti gli sforzi fatti sono andati perduti.

"Il percorso intrapreso a partire dal novembre dello scorso anno è stato difficile - ha commentato -, soprattutto perché la sfida che abbiamo deciso di accettare, rappresenta un progetto complesso, che ha richiesto la partecipazione in primo luogo delle tre università cittadine, del CNR, della Fondazione Pisa, dell’Opera della Primaziale, del Sistema museale e così via, nel grande sforzo di creare un sistema di collaborazione e sinergie crescenti tra tutte queste forze in campo, impresa non semplice, ma che ha dato grandi frutti. Frutti che stanno maturando, e che prescindono dal risultato del concorso che ci ha visti (a mio avviso inspiegabilmente) ignorati; il meccanismo che si è messo in moto continua a funzionare; c’è un tavolo tecnico composto da membri degli enti sopraelencati ed altre realtà imprenditoriali del territorio che continua a lavorare; c’è stato un importante riconoscimento da parte della Fondazione Pisa col finanziamento del progetto di rinascita del Bastione del Parlascio; Pisa è inoltre risultata aggiudicataria di un finanziamento ministeriale che permetterà la navigabilità dell’Arno; elementi questi ultimi due che rappresentavano il cuore del progetto di Pisa capitale della cultura. All’interno delle giornate galileiane verrà sperimentato il primo percorso di visita della città guidato con contributi di realtà virtuale e realtà aumentata e dedicato al grande Galileo Galilei; dopo questo ne verranno creati moltissimi altri. A breve sarà operativo il portale dedicato all’associazionismo ed agli artisti professionisti pisani, che efficienterà sia il palinsesto globale degli eventi cittadini e la sua fruizione dal pubblico pisano e forestiero, che l’assegnazione dei contributi comunali, che saranno parametrati sulla base di una oggettiva misurazione del gradimento degli eventi organizzati, ma anche sul rispetto delle regole, anche contributive da parte degli organizzatori. Stiamo, infine, lavorando in modo serrato per creare i presupposti per rendere fruibile in modo semplice ed economico a chiunque presenti progetti validi tutto il patrimonio a disposizione del mio assessorato, (dalla Chiesa della Spina, alla Torre guelfa, agli arsenali repubblicani, al Giardino Scotto ecc.) sinora pressoché inutilizzato a causa dei soliti troppi paletti burocratici, e per offrire Il centro espositivo SMS come sede delle associazioni culturali virtuose della città".

"Per tutto quanto sopra esplicitato - ha concluso l'assessore alla cultura del Comune di Pisa -, nonostante la tristezza di fondo che innegabilmente striscia nelle mie come credo nelle giornate di tutti, affronto la fine di questo anno con assoluto orgoglio per il lavoro svolto, e mi preparo ad un 2021 pieno di speranza, sia di uscire insieme a tutti voi da questa cappa che ci attanaglia, ma soprattutto di iniziare a preparare una rinascita che possa veder crescere tutti noi e soprattutto la nostra città. Buon 2021”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Protagonista dell'episodio una donna, che sarebbe passata alle vie di fatto per protestare sulla pratica che aveva affidato all'ufficio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lina Pistolesi Ved.Guidotti

Mercoledì 12 Maggio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Politica

Cronaca