Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Politica mercoledì 11 settembre 2019 ore 15:19

"Camere Commercio, accorpamenti volontari"

Camere di commercio, Pieroni (PD): “Accorpamento volontario per la giusta rappresentanza dei territori”, commenta il consigliere regionale



PISA — “Torno ad occuparmi delle fusioni delle Camere di Commercio, dato che la questione è ancora aperta ed attuale, anche alla luce del pronunciamento della Corte Costituzionale. Il Consiglio regionale ha approvato una mozione, che ho promosso insieme ai colleghi del Partito Democratico che impegna la giunta regionale ad attivarsi con il nuovo Governo al fine di ripensare la normativa che prevede l'accorpamento perché le fusioni, come ho detto più volte, dovrebbero avvenire su base volontaria e per omogeneità territoriale e non per obbligo di legge. È fondamentale rendere volontari i processi di accorpamento e ridefinizione delle Camere, considerando le peculiarità economiche delle diverse aree interessate”. Così Andrea Pieroni, consigliere regionale, commentando l’approvazione dell’atto.

"Con la rideterminazione delle circoscrizioni territoriali delle Camere di commercio che ha portato ad accorpamenti o creazioni di nuovi enti, spesso, si sono messi insieme territori con vocazioni socio economiche molto diverse tra sé – prosegue Pieroni –. È il caso, ad esempio, della Camera di commercio della Toscana Nord-Ovest di cui fanno parte le ex Camere di Pisa, Lucca e Massa Carrara: un’area vasta e densamente industrializzata che include settori molto diversificati fra loro quali: cartario, pelletteria, conciario, calzaturiero, marmo, metalmeccanico, farmaceutico, nautico, turismo. È necessario superare la stagione politica nella quale si pensava che l’efficienza del sistema pubblico si realizzasse solo accorpando ed abolendo enti o livelli di governo locale. Le Camere di Commercio non pesano sulla spesa pubblica, perché vivono solo grazie ai contributi versati dalle imprese”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allarme è scattato quando nel complesso militare di San Piero a Grado si è udito uno sparo. L'ipotesi più accreditata è il suicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità