Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA16°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Attualità martedì 08 settembre 2020 ore 11:04

Città intelligenti, gli atenei toscani collaborano

Si cercano soluzioni innovative per la gestione, l’accumulo e la distribuzione di energia prodotte da fonti rinnovabili. E' il progetto Suma



PISA — Quattro Università toscane - gli atenei di Firenze, Pisa Siena e la Scuola Superiore Sant'Anna - hanno unito le proprie competenze ed ambizioni per affrontare la sfida di città sempre più tecnologiche, efficienti e sostenibili, basata sulla filosofia del Green Thinking. La collaborazione, che vede coinvolte anche tre note aziende del settore - Graziella Green Power, Zucchetti Centro Sistemi e Netsens - è scaturita dalla partecipazione all’innovativo Progetto Suma (Struttura Urbana Multifunzionale Attiva) che gode di finanziamenti europei e regionali. 

La sinergia è volta ad individuare nuove soluzioni per la gestione, l’accumulo e la distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili, e arrivare all’erogazione di servizi di pubblica utilità. Una sfida che coinvolge molti campi della ricerca: meccanica avanzata, robotica, elettronica, telematica e Information Technology.

Il Progetto ha l’obiettivo concreto di sviluppare un sistema integrato attivo in termini energetici, distribuito nel territorio della Regione Toscana, che possa costituire un punto di aggregazione, con caratteristiche anche architettonicamente distintive, dove si ottimizza la gestione dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e si forniscono servizi avanzati ed innovativi al cittadino e alle imprese.

Innumerevoli le applicazioni pratiche di questi sistemi che potremmo vedere presto all'opera, grazie all'utilizzo di algoritmi e sistemi basati sull’Intelligenza Artificiale che, grazie all’apprendimento automatico, potranno creare modelli autosufficienti per la gestione dei flussi energetici, per effettuare la rilevazione di anomalie e per gestire sistemi di mobilità in ambito logistico e di pubblica utilità.

Alcuni esempi sono: nuove applicazioni della carica induttiva e degli inverter ibridi, la localizzazione e gestione di batterie estraibili, la gestione di veicoli nella logistica e sistemi flessibili per il monitoraggio ambientale e delle smart-cities, il tutto con alla base un uso ottimale, e dunque più responsabile, dell'energia prodotta da fonti rinnovabili, da accumulare e redistribuire in maniera intelligente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lutto per la scomparsa di Anna Di Milia Tongiorgi, Cavaliere della Repubblica Italiana e fino al 2021 presidente dell’associazione Non più Sola
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Cronaca

Cronaca