Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità sabato 12 novembre 2022 ore 10:14

Pisa e il suo fiume che guarda al futuro

L'Arno e le sue potenzialità al centro del convegno Pisa 2050: in progetto promenade fluviale, pontili galleggianti e e-boat



PISA — L'Arno come opportunità di crescita turistica. E proprio il fiume e sulle sue potenzialità sono state tra gli argomenti al centro di Pisa 2050, Connessioni VerdeBlu per la città del futuro che si è svolto ieri agli Arsenali Repubblicani. I lavori sono stati aperti dal videosaluto del Viceministro alle infrastrutture Edoardo Rixi e dall'intervento del sindaco di Pisa, Michele Conti.

Il Comune di Pisa, con un suo progetto, guarda al turismo “Fluvestre”, in grado cioè di integrare il tema del fiume a quello terrestre, creare relazioni tra le attività fluviali e terrestri in grado di innescare uno sviluppo su tutto il territorio interessato per quanto riguarda il turismo naturalistico, con la possibilità di passeggiate, escursioni e attività all’aperto (birdwatching, visita ai riserve naturali e parchi); il turismo culturale con eventi, festival e manifestazioni di rilievo, il turismo educativo e quello sportivo e di avventura (rafting, escursioni in mountain bike, canottaggio, equitazione, navigazione, pesca sportiva). 

In quest'ottica, l’Arno diventa vera e propria “via d’Acqua” nel suo tratto che va dalla foce, dove sono presenti 2.500 posti barca e attività commerciali per la nautica da diporto, fino al confine del territorio pisano, in un percorso di 18,7 km.

Il progetto a cui sta lavorando il Comune, grazie a un primo contributo del 2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha selezionato Pisa tra le città pilota in Italia, prevede la realizzazione di una nuova via fluviale attraverso infrastrutture che permettano la navigazione in sicurezza attraverso il dragaggio della barra di foce, del fiume stesso, del posizionamento di segnaletica sulle sponde, di galleggianti di orientamento per un percorso “garantito”, e lo sviluppo di un nodo turistico con offerte differenziate. Il progetto, ha un costo stimato di 2,5 milioni di euro e prevede tre anni e mezzo per la realizzazione.

Le infrastrutture dedicate 

"Risalendo il fiume - spiega una nota del Comune di Pisa-  sono previsti 6 attracchi con pontili galleggianti nell’argine del Parco Regionale di San Rossore Migliarino Massaciucoli, come sistema alternativo di accesso al Parco e al circuito pedonale-ciclabile in località Cascine Nuove. Si vogliono tracciare percorsi naturalistici a terra per escursioni guidate o autonome. Mentre, nel tratto urbano del fiume saranno implementati gli approdi esistenti con un nuovo scalo alla Cittadella Vecchia, per permettere l’accesso e la fruibilità al circuito museale-culturale che si affaccia sulle sponde del fiume (museo delle Antiche Navi, palazzo reale, museo nazionale di San Matteo, Sms e San Michele degli Scalzi, Giardino Scotto, Museo della Grafica) e di giungere agilmente fino a piazza del Duomo. Gli approdi permetteranno il completamento della promenade fluviale, dell’accesso ad essa anche dal fiume e di conseguenza alle numerose attività distribuite lungo il suo percorso e alle attrazioni vicine. Sarà così possibile attivare un servizio di barge o battelli che offrano un trasporto fluviale stabile con la possibilità di mini-crociere, le quali possono ampliare l’offerta con l’implemento eno-gastronomico o con circuiti a tema, museali, culturali, naturalistici. Questi servizi potranno essere affidati in concessione a operatori economici privati. Sugli approdi, inoltre, saranno installate 8 colonnine di ricarica i-boat, a sostegno dello sviluppo di una mobilità alternativa e eco-sostenibile, fruibili sia dai battelli turistici, sia dai natanti privati, sia da piccole imbarcazioni a noleggio. È, infatti, previsto lo sviluppo di attività di e-boat rent, noleggio di piccole imbarcazioni elettriche o ibride. Presso gli scali saranno installati 6 Infopoint turistici multimediali, per accedere alle informazioni utili della città. È prevista anche la creazione di un Protocollo flumen vivit destinato agli operatori, con norme a favore del turismo e della città e la creazione di un City branding pisano e di una city-card informatizzata su App per accedere a informazioni e servizi. È prevista anche la realizzazione di una rete differenziata di fruizione del Canale dei Navicelli che giunge fino al porto di Livorno, confermandone la vocazione cantieristica e di asse per lo sviluppo di attività sportive, nella parte inferiore, tra le quali il canottaggio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Pisa2050, vicemiminstro Edoardo Rixi parla di infrastrutture e mobilità
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca